NORTON UTILITIES

 

NORTON UTILITIES™ della Symantec
è da sempre il programma per la riparazione ed il controllo
dei supporti di memorizzazione per il nostro Macintosh;
eccovi un assaggio della nuova versione del programma...

Il test è stato condotto dal vostro Power Volpino.

 

Scheda del prodotto:

Nome: Norton Utilities ver. 5.0.2
Prodotto da: Symantec
Sito web: www.symantec.com
Prezzo: 99$
Configurazione minima:
Qualsiasi PowerMac
16 Mb di spazio su HD
24 Mb Ram
Lettore CD 4X
MacOS 8.0 o superiore
Una connessione internet attiva per poter utilizzare
la funzione di 'Live Update'

Quando il gioco si fa duro...

Una delle situazioni più frustranti in cui l'utente medio della nostra piattaforma si ritrova molto spesso è quella in cui, all'accensione della macchina, sul video non appare altro che l'immagine minacciosa di un floppy disk con un allegro punto interrogativo che lampeggia minacciosamente.

E, qualche volta, questo non è che il preludio della perdita di tutti i propri dati... Attualmente le cause di un tale disastro possono essere davvero molteplici: una improvvisa perdita di alimentazione al nostro Mac, un programma pesantemente 'bacato' o soltanto un serio problema hardware. La soluzione migliore per non incorrere in tragiche perdite di dati rimane sempre una efficace strategia di backup che ci assicuri nel futuro la possibilità di recuperare integralmente tutti i dati di cui potremmo avere bisogno. Ma, oggigiorno, possiamo anche dotarci di efficaci pacchetti di applicativi che ci permettano di prevenire la perdita dei dati e ci consentano, nel caso che queste perdite avvengano comunque, di recuperare tutto il nostro lavoro dai supporti che possono essersi danneggiati.

... i duri cominciano a giocare!

Non possiamo certo dire che per la nostra piattaforma siano disponibili un grande numero di questi programmi. Anzi! Sembra che le possibilità offerte dal mercato siano decisamente limitate. Ma, ad un più accurato esame, ci possiamo accorgere che gli applicativi a nostra disposizione riescono a risolvere con completezza tutti quei problemi (o, almeno, la maggior parte dei problemi) che possono affliggere le nostre macchine.

Ed il rappresentante più famoso di questa categoria, da tempo lunghissimo leader indiscusso dei tools di riparazione e gestione dei dischi, è proprio il pacchetto delle Norton Utilities che mi appresto ad analizzare per voi... Sebbene siano presenti altri programmi quali TechTools 2.5.3 e DiskWarrior 2.0, destinati alla riparazione ed alla analisi dei nostri Mac, le NU rimangono per molti lo strumento principe per la manutenzione e la gestione dei nostri dischi.

La ragione è a mio parere molto semplice: se da una parte DiskWarrior si occupa di gestire e ricostruire la struttura delle directory dei dischi (fa solo questo ma lo fa benissimo!) e TechTools rappresenta una sorta di coltellino svizzero per l'intera macchina ( e per questo intimorisce leggermente l'utente poco smaliziato che trova il suo utilizzo eccessivamente complesso ), le NU rappresentano un sistema sufficientemente equilibrato, un giusto compromesso tra le capacità del programma e la sua facilità d'uso. Vediamo cosa ci offre la nuova versione che ha raggiunto gli scaffali da relativamente poco.

Nella scatola troviamo:

- Il CD bootabile che contiene l'applicazione, una demo del Norton Antivirus (divenuto partner ideale delle Utilities ed integrato a queste,ma che va acquistato separatamente...), nonché un corposo e completo manuale in formato PDF.
- La cartolina di registrazione (da spedire SEMPRE, mi raccomando!)
- Una seconda cartolina che ci permette di acquistare Retrospect Express 4.1 per Mac, con un notevole risparmio (vi ricordo che RE rappresenta uno dei migliori programmi di backup personale a disposizione della nostra piattaforma)
- Un agilissimo manuale di circa 100 pagine che ci introduce, in un inglese molto semplice, all'istallazione ed alla gestione delle varie parti che compongono l'intero pacchetto.

Installare il programma è semplicissimo: innanzitutto sarà necessario partire dal sistema fornito con il CD e controllare lo stato del disco sul quale intendiamo istallare le Utilities. Una volta espletata questa semplice formalità sarà sufficiente fare ripartire la macchina e procedere alla istallazione con un doppio click sull'apposito "Norton Utilities Installer" che troverete all'interno del CD.
Nota: stranamente, tutti i miei tentativi di arrivare all'istallazione delle Utilities partendo direttamente dal CD hanno sortito effetto negativo. L'unica soluzione è stata quella di riavviare e procedere alla istallazione mentre il sistema attivo era quello scelto per l'istallazione. A questo punto siamo pronti per analizzare le caratteristiche del nuovo programma.
Il programma è stato testato e continua ad essere utilizzato dal sottoscritto, su di un G3 grigio/300 Mhz equipaggiato con MacOS9 senza incontrare problemi di sorta ( per coloro che abbiano acquistato la versione 5.0 del programma consiglio caldamente l'aggiornamento alla versione 5.0.2 liberamente disponibile presso il sito del produttore).

Frugando nella cassetta degli attrezzi...

Già dalla finestra principale del programma ci accorgiamo di alcune novità; innanzitutto oltre alla già citata integrazione con il Norton Antivirus e la possibilità di ottenere l'aggiornamento in tempo reale attraverso internet così da mantenere il sistema sempre sufficientemente aggiornato alla ultimissima versione disponibile, impostando addirittura una procedura di controllo predefinita nel tempo ( funzione decisamente critica nel nostro paese viste le simpatiche tariffe telefoniche di cui siamo gravati e le corpose dimensioni degli aggiornamenti che la Symantec ha abitudine di rilasciare...) ci colpisce la scomparsa di Crash Guard; finalmente, e con molta oculatezza, l'azienda produttrice ha "eliminato" questa inutile funzione, capace di provocare numerosi ed inesplicabili problemi e fornendo molto spesso numerosi falsi messaggi di errore... Vediamo ora, una per una, le altre varie parti dell'applicazione e le novità che ci vengono presentate:

- Norton Disk Doctor
Cuore del sistema per la riparazione dei problemi sui dischi, il 'dottore dei dischi' più famoso del mondo Mac ha conservato l'aspetto esteriore della precedente versione ma ha acquisito la possibilità di riparare i dischi di partenza senza la necessità di operare partendo da CD; naturalmente per una migliore performance del programma è necessario operare da un supporto diverso da quello in cui si trova la cartella di sistema attiva... E' stata aggiunta la possibilità di gestire dischi in tecnologia FireWire ed USB ed una funzione di 'undo' alle attività che Disk Doctor può realizzare; inoltre le varie operazioni possono essere gestite in maniere molto flessibile attraverso le preferenze del sistema.

Come si presenta Norton Disk Doctor...

- Speed Disk

L'applicazione delegata all'ottimizzazione dei nostri dischi risulta migliorata ed ora può ottimizzare le cartelle oltre che i dischi; ora l'utility ottimizza le strutture sui nostri dischi, riducendo il tempo necessario per trovare i file presenti sui nostri drive. Inoltre risulta più veloce e durante la procedura di ottimizzazione procede anche al controllo del supporto e delle strutture logiche prima di spostare fisicamente i dati (ricordiamo che questa nuova caratteristica non sostituisce comunque l'azione di Disk Doctor...!)

La finestra di Speed Disk...

- File Saver

Vero nocciolo duro del programma si incarica di verificare ciclicamente lo stato e la bontà delle vostre directory e dei vostri file, non che dello stato di frammentazione dei file sui dischi. Di volta in volta si farà carico di avvertirvi della necessità di utilizzare Disk Doctor oppure Speed Disk su di un determinato supporto, nel caso lo ritenga strettamente necessario. Inoltre si preoccupa di mantenere traccia dei file che sono stati spostati, cambiati o rimossi non ché delle strutture delle directory sui nostri hard disk. Queste informazioni diventano assolutamente preziose per potere operare in un secondo tempo con le altre Utilities della suite quali lo stesso Disk Doctor, Volume Recover ed UnErase.
L'utility risulta molto flessibile e ci permette di definire con precisione ogni quanto registrare le informazioni necessarie e su quali supporti operare.

- Volume Recover

Se uno dei vostri hard disk è andato perso oppure è stato inizializzato (non formattato a basso livello...) per errore allora, se avete usato con oculatezza File Saver, avete ancora la possibilità di recuperarlo con Volume Recover. Il programma tenterà di ristabilire la struttura delle directory esattamente come era stata registrata da File Saver l'ultima volta che era stata registrata.

Finestra di VolumeRecover

Avete perso uno dei vostri HD...?

-UnErase

Anche questa utility si appoggia alle informazioni registrate da File Saver per recuperare i file erroneamente eliminati dai nostri dischi. dal momento che all'atto della cancellazione il nostro Mac non elimina fisicamente il file dalla posizione in cui si trova sul nostro disco ma lo marca semplicemente come sovrascrivibile, esiste ancora la possibilità, agendo tempestivamente e conoscendo l'esatta posizione del file, di recuperarlo intatto.
UnErase risulta decisamente potente, in special modo nella sezione di ricerca dei file cancellati all'interno dei supporti di memorizzazione e ci permetter di configurare dei percorsi di ricerca estremamente potenti.

Finestra di UnErase

L'angolo di recupero dei file...

- Fast Find

Non risulta certo veloce come Sherlock! Ma ci permette di osservare il contenuto di un file senza dovere aprire una nuova applicazione e pure cambiare al volo il tipo ed il creatore del file in questione, nonché la sua icona.

- System Info

Un rudimentale attrezzo per controllare le performance della nostra macchina (aggiornato alle ultime creature uscite dalla fucina di Cupertino) che non può certamente fare concorrenza a pacchetti più blasonati quali i Macbench della Ziff-Davis...
Ma se avete la curiosità di comparare le caratteristiche della vostra macchina con quelle degli amici...

-Wipe Info & Disk Editor/Disk Editor Plus

Ho lasciato per ultime queste utility per un solo motivo: non vanno usate con leggerezza! Disk Editor possono andare a manipolare i dati presenti sui nostri dischi a livello di bit, una capacità che se utilizzata in maniera errata può rendere i nostri Mac inutilizzabili!
Wipe Info ci permette di cancellare in maniera definitiva dati e dischi; e quando scrivo *definitiva* intendo in una maniera tale che nemmeno i tecnici della Symantec si dichiarano capaci di recuperarli. Quindi se volete usare questa utility fatelo con molta attenzione e non prima di avere letto l'esaustiva sezione che il manuale gli dedica, mi raccomando!

Ma il programma non ha proprio difetti? Quasi.
- Non ci sono delle modifiche "profonde" che giustifichino il cambio di versione; possiamo definire gli aggiustamenti del programma funzionali e necessari per la compatibilità con la nuova versione del MacOS
- Funziona ora esclusivamente su macchine PPC, quindi non è utilizzabile su macchine con processori 680x0 mentre ad esempio TechTool permette l'utilizzo anche su macchine più vecchie.
- Non supporta drive formattati con utility particolari ( ad esempio Anubis 3.0.x e HDT della FWB nelle versioni precedenti alla 2.0.
- Manca una parte dedicata alla diagnostica della parte hardware del sistema in stile TechTool che conferirebbe una nuova nobiltà al programma e ne amplierebbe il campo di azione
- Non è stato localizzato per il mercato italiano, sebbene sia uno dei prodotti che ogni utente Mac debba tenere accanto alla propria macchina; inoltre tutta la manualistica è in lingua inglese. Un fatto increscioso se si considera che i corrispondenti prodotti per Win della stessa azienda sono stati tutti localizzati per la nostra lingua.
- Manca un efficace servizio di assistenza ed appoggio nel nostro paese; tutta l'assistenza ha un'unica base europea
- Il programma ha un prezzo decisamente alto.

A chi consigliarlo:
- A chiunque possiede un Mac, anche se si tratta di una delle ultime macchine...

A chi sconsigliarlo:
- A coloro che hanno Mac vecchi (non PPC dove il programma non può girare).
- Ai partigiani di TechTool che lo preferiscono per le superiori capacità diagnostiche, specialmente nella sezione hardware.
- A quei pazzi che credono di non averne bisogno. Mai.  

Tiriamo le somme del nostro excursus attraverso il pacchetto: le nuove caratteristiche quali la funzione di aggiornamento automatico non rappresentano un motivo sufficiente per definire le Norton 5.0 una nuova release del programma. Diciamo piuttosto che l'avanzamento nella numerazione possiede un valore del tutto "pubblicitario". la suite, dopo i numerosi problemi e ritardi della precedente versione aveva bisogno di rifarsi la faccia... Il nuovo 'undo' non funziona sempre in maniera ottimale, sebbene la stabilità del programma sembra essere notevolmente aumentata. Manca poi una localizzazione in italiano...
Il fatto che poi il CD dell'applicazioni di rifiuti di fare il boot da CD di terze parti e di supportare HD formattati con utility non Apple, ci fa certo storcere il naso. Il pacchetto rimane comunque un punto di riferimento per la nostra piattaforma, anche se il prezzo rimane ancora decisamente alto. Non sarebbe il caso che il buon dottor Norton , dall'alto della sua posizione, non trovasse due minuti per scendere a Eugene (Oregon), nella sede della Symantec, per dare una bella tirata alle orecchie dei dirigenti e spingerli a lavorare un poco meglio per la nostra piattaforma?
8)
Bao.

Per Ulteriori Informazioni:
Produttore:
Symantec Corporation

175 W.Brodway
Eugene OR 97401 - USA
Tel. 541-334-6054; Fax 541-984-8020

Web:
www.symantec.com

Per l'Europa:
Symantec Customer Service Center
PO Box 5689 Dublin 15 - Ireland
Tel. +353-1-811-8032; Fax +353-1-811-8033

Web:
www.symantec.com/region/reg_eu/


 


- 27/02/00