IL NUOVO OS DI APPLE è sicuramente la ciliegina sulla torta di tutta la manifestazione milanese. Le caratteristiche, sulla carta, lo pongono come una tra le massime espressioni del sistema operativo Apple dal System 7 in poi, in attesa di MacO X.

UFFICIALIZZATO IL 17 OTTOBRE e promesso allo SMAU, purtroppo le scatole fino ad ora viste sono solo quelle vuote da esposizione, e l'unico modo per vederlo è disporre di una versione Golden Master (versione preliminare, come viene indicata quella immediatamente precedente alla definitiva da immettere sul mercato) o riuscire a mettere le mani su una tastiera di qualche G3 esposto allo stand Apple e su cui il nuovo system sia stato installato. Deluso dal non essere riuscito a comprare una copia di MacOS 8.5 in fiera, mi sono dovuto accontentare di fare un po' di coda per poterlo "toccare con mano".

RIAVVIO... è la prima cosa che viene in mente quando si vuole provare un computer dopo che è stato usato da altre decine di persone e, sorpresa, il riavvio è veloce, molto più veloce di quanto siamo abituati con le versioni precedenti. Il finder ancor più ottimizzato e la possibilità di escludere il check della ram all'avvio (utilissimo per velocizzare l'avvio nel caso di parecchia ram installata)portano l'amichevole scrivania in primo priano in men che non si dica.

ICONE A MIGLIAIA DI COLORI e un controllo Ambiente completamente riscritto e ampliato nelle funzioni rendono ancor più gradevole l'interfaccia, ora ancor più personalizzabile, compresi i suoni che ora sono associabili ad ogni singolo evento. Quest'ultima opzione ancora non la digerisco, sicuramente la disinserirei subito per non sentirmi suoni e pernacchie varie (non oso immaginare i fanatici delle varie serie di fantascienza che cosa non faranno grazie a questa opzione) ogni volta che tocco un menu o apro una finestra, ma è comunque un passo avanti ed è quindi bene che si possa fare. Per i cultori delle immagini da scrivania, Apple ne ha inserite di nuove e più accattivanti.
Nuove le finestre di dialogo Apri/Salva, che permettono anche qui di essere personalizzate ma che richiedono che i software si adeguino altrimenti non vengono sfruttate se non negli accessori forniti con il sistema.

PRESTAZIONI MIGLIORI IN GENERALE, soprattutto sui G3 visto che il system è stato ottimizzato per questo processore, e sono curioso di installarlo sul mio 9600 per vedere se si avverte un incremento anche sui "vecchi" processori PowerPC 60x. Da quello che si legge l'incremento su questi processori non dovrebbe essere elevato come per i G3, ma ci accontenteremo...

TUTTA LA RETE DI MACOS 8.5. Qui arrivano le novità più sensibili. OpenTransport 2.0.1, driver AppleTalk e Ethernet completamente riscritti, maggiore integrazione con Internet e altre migliorie che non ho fatto in tempo ad appurare.
Apple aveva promesso con questo sistema maggior velocità di copia in rete, nota dolente dei MacOS 8.x, e l'ha mantenuta: provando una copia da macchina a macchina direttamente allo Smau c'è da rimanere sorpresi, nulla a che vedere con quanto siamo abituati. Non appena l'avro' sul mio 9600 eseguiro' dei test approfonditi, ma a prima vista basterebbe questo per giustificare l'upgrade. Il nuovo OpenTransport sulla carta gestisce molto meglio anche il supporto DHCP, e se si unisce questo alla nuova velocità di sfruttamento dell'Ethernet il confronto e la convivenza con server Windows NT ora è tutto da riqualificare.

TROVARE PIU' FACILMENTE qualsiasi cosa su dischi e su Internet grazie a Sherlock, un'applicazione che va a sostituire il classico "Cerca Documenti" e che permette di trovare parole e frasi anche all'interno di documenti, qualsiasi sia l'applicazione che li ha generati, ma anche su Internet si può cercare più facilmente e più velocemente sui principali motori di ricerca, evitando di compilare form diverse e di "sorbirsi" grafica e banner pubblicitari, ma oprattutto ottenendo le risposte da più motori contemporaneamente. I motori di ricerca si gestiscono tramite dei comodi plug-in, quindi si possono personalizzare e sono già pronti anche alcuni per i motori italiani. Finite quindi le estenuanti ricerche tramite i tradizionali browser.

SCRIPT A RAZZO con AppleScript completamente riscritto e completamente nativo, decisamente più veloce. Le applicazioni che sfruttano questo sistema di automazione, e non sono poche, ne trarranno grandi vantaggi in termini di prestazioni.

COMPATIBILITA' SENZA PROBLEMI o quasi, tutte le applicazioni più comuni girano tranquillamente ed al massimo si possono avere piccoli problemi con alcune sui menu e le finestre di dialogo, ma sono già a disposizione numerosi aggiornamenti per eliminare tutti questi piccoli inconvenienti. Una completa lista di tutti gli aggiornamenti già disponibili, la si può trovare su MacProf, mentre su Macity è presente una pagina con le prime impressioni e reports di tutti coloro che hanno già avuto occasione di installare il nuovo sistema operativo.

QUESTE SONO SOLO LE PRIME IMPRESSIONI del nuovo sistema operativo in poche decine di minuti di utilizzo a più riprese durante la mia giornata milanese all'Apple Expo 98, non appena potrò provarlo direttamente sul mio Macintosh posterò dei reports più esaudienti e completi.

 

Torna alla Home di SMAU 98