Carta che vince, carta che perde...
(L'affare Olidata)

[26-05-2000] Una notizia che lascia senza parole. La Olidata ha evaso l'IVA per centinaia di miliardi ed il suo fondatore, Carlo Rossi, ha preso la strada delle patrie galere insieme a molti dei suoi collaboratori. Non voglio restare qui a tediarvi con inutili considerazioni di natura morale e legislativa. Se Rossi ha fatto il furbo e cercato di sgamare il pagamento dell'IVA, è giusto che lo si sbatta dentro e si butti la chiave... O almeno che la si dimentichi in un cassetto per un po'.
Il fatto è un altro e coinvolge più da vicino il nostro compito di Evangelisti. Sembra molto facile giocare con i numeri, utilizzare produttori del Sud Est Asiatico e produrre materiale non certo di prima qualità che in seguito viene venduto a prezzi che la concorrenza fatica a considerare 'proibitivi' se non addirittura pazzeschi. Ma se hai la possibilità di ciurlare nel manico e giocare con le fatture...
Il venti per cento in meno sui prezzi dei propri prodotti da la possibilità a chiunque di sbaragliare la concorrenza.
Insomma a questi termini è molto, troppo facile mettere in commercio macchine che fanno a pezzi i concorrenti, Mac compresi, incapaci di fare fronte a manovre di questo tipo. Si sa, la gente quasi sempre guarda il prezzo e non le reali capacità delle macchine, non apre la scatola per guardare cosa ci troverà dentro.
Ed il lavoro di educatori ed ispiratori per la nostra piattaforma diventa sempre più difficile. Ma a questi termini le cose cambiano e di molto!
Adesso, nel momento in cui saremo interrogati sulle caratteristiche e sulla bontà delle nostre macchine, potremo aggiungere alla già infinita teoria di motivi che possono spingere l'utente a fregiarsi di una mela traslucida, il fatto che la mela non ha bisogno di manovre illegali per assicurarci una certa qualità. Anzi, già da molto tempo ha fatto della propria qualità un vanto ed il costo di questo blasone si sente!
Certo non abbiamo bisogno di giochi oscuri e di manovre contabili per dare agli utenti ciò che gli utenti ci chiedono. Certo comperare un Mac è ancora una scelta da fare con attenzione e spesso capita di leggere di persone che, scontente per la scelta, hanno deciso di sbarazzarsi del loro pargolo appena comprato. Ma non lo fanno certo perché di cattiva qualità o perché costruito in economia. Lo fanno perché non si sentono utenti Mac. Punto.
Invitate i nostri detrattori, la prossima volta in cui sarete chiamati a testimoniare le vostre scelte, ad aprire uno dei loro PC (magari proprio un Olidata) e poi a fare un paragone con uno dei nuovi G4. Non basta piazzare un cuore che viaggia al doppio della velocità per realizzare una macchina superiore. Serve coraggio e lungimiranza, pazienza e creatività. Non serve giocare con i conti per mantenere un'azienda all'avanguardia nel mondo del personal computing. Serve intelligenza, cuore e sensibilità. Il gioco delle tre carte funziona sempre. Ma una volta sola.
(Daniele Volpi)

I commenti dei lettori:
(In ordine cronologico, partendo dall'ultimo arrivato)

 

Date: Mon, 29 May 2000 13:00:41 +0200
Subject: L'affare Olidata
From: Marco Cattaneo

Io sarei dell'idea di aspettare a fare commenti quando si sapra' se le accuse siano fondate o meno.
Come la cronaca passata, presente (anzi direi "presentissima") e purtroppo temo anche futura insegna, in questo paese (e lo scrivo volutamente con la "p" minuscola) prima ti mettono in galera e poi, se gli avanza il tempo, magari cercano le prove della tua colpevolezza, salvo poi dirti "ci scusi, lei non c'entra niente".
Gia', ma se io sono un privato cittadino ho "solo" (virgolette d'obbligo) avuto la mia vita sputtanata, mentre se sono un imprenditore, avro' anche sputtanate l'azienda e le vite dei miei dipendenti, se come probabile, i cari investigatori del piffero me la avranno fatta fallire nel frattempo: qualcuno ricorda per caso l'Itavia ?
Ovviamente, per uniformarmi alla realta' italiana, dove nessuno e' mai responsabile di nulla, neanche io lo sono per quello che ho appena detto !!! E tanti saluti.
Marco Cattaneo

 

Se vuoi contribuire alla discussione, scrivi a "L'affare Olidata - Feedback"!