DVD FREE!

[24 maggio 2000] Le principali major cinematografiche hanno imposto ai costruttori di lettori DVD per computer (nei lettori da tavolo la cosa è meno sentita e applicata) che ogni lettore possa cambiare solo per 5 volte il "region code". Al quinto cambio il lettore si fissa inesorabilmente sulla regione del 5° DVD inserito, e non c'è verso di cambiarla.
Se per un uso domestico "normale" la cosa potrebbe non creare problemi, per un amante del cinema tutto si complica. Viene di fatto impedito di vedere ad esempio film originali di continenti diversi, e se poi ci mettiamo la pessima qualità di masterizzazione di alcuni distributori italiani, che a malapena inseriscono il doppio audio, il tutto diventa molto castrante.
Al fine di perseguire maggiori risultati commerciali, le major negano di fatto un diritto fondamentale.
Badate bene che non si tratta di lotta alla pirateria, si parla sempre di DVD originali (duplicarli costa ancora troppo per fortuna loro).

Lo spunto di questo Dossier lo offre il rilascio, presso un sito nord-europeo, di una versione modificata di DVDPlayer che, sulla carta, promette di non far avanzare il contatore dei cambi di regione.
Ovviamente tutto da verificare.

 

I commenti dei lettori:
(In ordine cronologico, partendo dall'ultimo arrivato)

 

Date: Wed, 24 May 2000 09:32:37 +0200
From: Marcello Testi
Subject: DVD FREE

Intanto, Roberto, attenzione, perche' non so fino a che punto sia legale distribuire e pubblicizzare questi software (anche se a dire il vero perfino il cd di una rivista Mac aveva vari gadget per de-regionalizzare il DVD del nostro Mac e le riviste di settore mostrano in bella evidenza parecchie pubblicita' di laboratori che modificano i lettori).

Altra cosa a cui fare attenzione e' se i software in questione aggiornano solo il sistema operativo (o le estensioni che si occupano di gestire il DVD) o anche il BIOS della scheda che decodifica il DVD. Nel secondo caso, credo che potrebbero esserci anche problemi di garanzia. Infatti, in teoria dall'inizio dell'anno dovrebbero essere in vendita solo lettori con la codifica regionale "fissa" e non gestibile via software, al massimo con il BIOS che si "blocca" dopo 5 visioni sull'ultima regione impostata.

Il problema e' certo nell'accordo di cartello dei grandi produttori (praticamente, le major cinematografiche), per evitare che la "globalizzazione" delle vendite interferisse con i programmi di uscita nelle sale e, credo, con le politiche di prezzo. Inoltre, il mercato italiano e' ancora evidentemente acerbo, visto che ancora non c'e' l'uniformita' di prezzi del VHS e il prezzo di un DVD puo' variare dalle 40 alle 60.000 lire. Mercato acerbo vuol dire anche pochi reali utilizzatori e quindi poche possibilita' di far sentire la propria voce. Inoltre, a quanto mi e' sembrato di capire, modificare un lettore non dev'essere molto costoso, per cui e' probabile che dovremo prepararci a un futuro di lettori taroccati un po' ovunque piuttosto che a un rinsavimento dei produttori distributori.
Infine, va anche notato come con l'aria che soffia sull'euro, non e' piu' tanto conveniente comprare titoli negli USA, dove l'offerta e' sicuramente piu' ampia.
Ciao.
Marcello.


Date: Wed, 24 May 2000 05:17:05 +0200
From: Joshua
Subject: DVD free

Ciao Roberto,
ho appena scaricato il DVD Free cui faceva riferimento Daniele Volpi nelle news di ieri. Non ho ancora avuto modo di provarlo ma avrei da subito alcune riflessioni da fare a caldo.
I DVD-ROM si dividono in RPC-1 ed RPC-2. I primi sono i cosidetti "Region Free". Quando si utlizza un drive RPC-1 il Region Manager si occupa di "emulare" i 5 cambiamenti consentiti.
Quando si ha un drive RPC-2, il conteggio dei cambiamenti e' fatto direttamente nel firmware del DVD ed il Region Manager si limita a leggere. Al quinto cambio il DVD-ROM si blocca sull'ultima regione e non accetta DVD di altre regioni.
Di patch per il region manager ce ne sono in giro molti (e purtroppo tu ne sai qualcosa), ma tutti richiedono (e lo specificano a caratteri cubitali) drive RPC-1.
Di drive RPC-1 nel DVD-Fritt non si parla e questo e' IMHO GRAVISSIMO
Il fantomatico Player ad un'analisi un po' piu' accuarata si e' rivelato come una collezione dei vari patch gia' esistenti da tempo in rete; si va dal patch per il Region Manager, a quello che consente di usare il DVD Player su tutti i G3 con scheda ATI 128. C'e' da chiedersi come la prenderanno in casa Apple...
Personalmente _sconsiglio_ chiunque abbia un iMac DV ed un G4 (entrambi dotati di DVD-ROM RPC-2) di utlizzare questo software. Se non si aggiorna prima il firmware del DVD (rendendolo RPC-1) c'e' il richio piu' che concreto di trovarsi il DVD bloccato (e spesso non piu' modificabile, neanche aggiornando il firmware) su di una regione.
Ciao, Joshua

 

 

Se vuoi contribuire alla discussione, scrivi a "DVD Free Feedback"!