Mac OS X, le impressioni dei lettori.

Di seguito, in ordine cronologico, le impressioni dei lettori di Tevac sul nuovo sistema operativo di Apple. Dite la vostra scrivendo a feedback@tevac.com.

From: Antonio Pappalardo
Date: Mercoledì, 28 marzo 2001 0:20:27
Subj: Rete e classi

Le prime impressioni su X sono buone anche se veramente lento.
L'ho provato poco comunque ma un paio di cose mi hanno fatto perdere tempo senza ottenere risultati:
1) Sarà una stupidaggine ma non trovo il comando per assegnare la classe ad un file o cartella.
Strano che intanto sia possibile ordinare le cartelle per classe Boh
2) Provato subito Airport e ha funzionato perfettamente la condivisione Internet tra il Cube con MacOS 9.1 e il PB con Mac OS X.
Provati sia Exploder che Mail e Hotline Poi sono passato all'opzione "computer to computer" La condivisione funziona ma a senso unico.
Mi spiego meglio.
Ho provato a condividere entrambi gli HD.
Dal Cube con MacOS 9.1 vedo tutte le partizioni del PB con Mac OS X (attenzione bisogna attivare anche Apple Talk da Mac OS X e la condivisione in TCP-IP dal 9.1) Invece non riesco a vedere il Cube con MacOS 9.1 dal PB con Mac OS X.
L'indirizzo IP del Cube 10.0.1.1 Quello del PB 10.0.1.2 Nel controllo network mi da un numero 0.0.0.0 di router.
Quale numero di router devo inserire nel controllo network?
Ho provato 10.0.1.0, 10.0.1.1 e 10.0.1.10 senza nessun risultato e dopo ore di prova mi sono scocciato.
Ho provato anche in DHCP ma nulla.
Avete qualche idea?
Da X riesco a vedere nel network locale solo me stesso!
Grazie a tutti, Antonio


From: iTools (dalla lista Mac OS X Support)
Date: Martedì, 27 marzo 2001 23:59:30
Subj: FW: [MAC SUPP] OsX

Allora ragazzi facciamo un po'il punto della situazione. Oggi ho installato X sul mio G3 MT 266 o meglio sull'HD che lui ha scelto di installarsi. Si perché l'anno scorso avevo sostituito all'HD originale ATA interno un quantum fireball da 20G. Ebbene lui si è scelto un piccolo HD esterno (sempre quantum) da 2G SCSI che tengo (o meglio tenevo) per archiviare temporaneamente le mie foto digitali al microscopio. Non c'è stato verso di fargli riconoscere come disco "Apple" quello interno. Vado al sodo: ma chi critica cosa vuole da un OS nuovo di zecca? Ebbene si ci si deve abituare ma di sicuro siccome non può che migliorare non tornerò indietro. E' semplicemente favoloso. Su G3 266 ribadisco 266 ho lavorato con IE Explorer nativo, insieme a Photoshop, che vede tranquillamente la Epson Stylus Photo 750 da Classic peraltro collegata ad una porta USB via PCI, e con un programma di elaborazione delle immagini, il tutto mentre iTunes (Classic) mi suonava delle canzoni dei miei tempi (Equipe 84). Nessun crash in due ore di lavoro. Fra parentesi mentre stavo installando X e quindi anche rifacendo i settaggi di rete, al collega dell'altra stanza, Pentium III a oltre il giga è saltato il collegamento Internet. L'ho lasciato alle 19,30 che ancora stava reinstallando non so quale versione di Windows. Avete visto com'è facile settare Internet? Torniamo a noi: è vero che il ridimensionamento delle finestre va un po'a scatti ma lo si nota appena sulla macchina di cui sopra. Non vedo l'ora di poterlo installare sull'iMac DV slot loading di casa (400MHz). Ora non posso perché la signorina (mia figlia) in questo momento ci lavora molto e non posso rischiare di perdergli alcuni dati ma il prossimo fine settimana... è mio!!
A proposito di iMac per curiosità ho lanciato l'installer fino a quando ti chiede su quale HD vuoi installare X. A quel punto ho annullato l'installazione secondo la procedura guidata. Al click su riavvia (con il CD nel lettore) si rilancia sempre l'installer da CD. Occorre riavviare con option premuto per poter scegliere da quale disco si vuol ripartire. Questa, forse... è una pecca, non lo chiamerei bugs...
Ciao Stefano Bianchi


From: Fabrizio
Date: Martedì, 27 marzo 2001 18:23:19
Subj: PMac G3 266 e Mac OS x

ore 12 del 27 sono a Genova e finalmente arriva il mitico pacco.
Installo solo x i richiesto in versione internazionale, circa 20 minuti
Prima impressione su un PowerMac G3 266 beige desktop con 2 dischi 30+4 GB con 224 MB + Epson 1270 + scanner Umax e masterizzatore Traxdata SCSI ;modem global village 56k esterno
X Installato su prima part da 2 GB , il 9.1 é lo stesso che utilizzavo prima tutto in lingua internazionale con miglia di estensioni .
1° grosso problema all'inserimento di un cd audio nel masterizzatore SCSI bomba con apparizione sotto ad Aqua del terminal ,con reboot tutto OK la macchina si riavvia , con la beta di x il cd veniva visto tranquillamente non ascoltavo l'audio ma non si inchiodava, digitando continue crash totale :(
Stoancora testando tutto , la velocità rispetto alla beta è molto buona , causa soli 6mb di scheda video lentezza nella riproduzione di movie .
Sono soddisfatto l'ho installato da 2 ore e ho provato a usare office 2001 e Photoshop 6 sembra funzionare tutto .
Con la beta Classic non è mai partito.
ore 16 aggiungo i driver per il modem esterno che utilizzavo con la beta li allego al file.
Mi rendo conto che questa è ancora una beta e i 15 anni del quale parla Jobs ci vogliono tutti ,ammetto che pur avendo usato la beta per un bel periodo sono ancora abbastanza spiazzato ma è una questione di tempo.
Intanto testerò il resto .
ore 18:00 utilizzando intensamente varie applicazioni Classic come farei nell'uso quotidiano mi rendo conto della lentezza generale la rotellina gira sempre in loop ,altra cosa trovo complesso spostare i file da una cartella all'altra e come se lavorassi su partizioni , direi che finche non ci saranno tutte le applicazioni pronte su questa macchina Mac OS x gira ma in maniera molto lenta ,la risposta alle applicazioni già pronte è discreta , molto interessante la condivisione della connessione , non ho capito perchéle preferenze di alcune app vengono viste a volte si e a volte no , diciamo che avere il disco ripartito o piùdischi è necessario , soprattutto direi che i requisiti minimi sono un G3 /G4 500 2/300 MB e 30/40 GB magari un disco da 10 sul quale tenere tutto quello che si usava in Classic .
Come immaginavo i requisiti non sono quelli elencati da Jobs ma quelli delle macchine che usciranno a luglio con x10.1.
Tra l'altro non sobene come ma il log-in funziona senza pas, anche dopo che ho disinserito il log-in automatico e mi sono registrato come "root" bohnon mi è chiaro vi aggiornerò , spero che sul PB 400 le cose siano differenti , immagino sia così dato il bus a 100 e le caratteristiche tecniche più recenti .
Vi ricordo che il mio G3 beige ha 3 anni , e come installare windoz 2000 su un Pentium 2 a 300 ,impossibile , peccato che posso sempre acquistare un scheda xlr8 con due G4 500 in realtà aspetto uno ZIF G4 da 1GHZ ma se Motorola non si sbriga qua la situazione si fa tesa .
Comunque è un'altra beta non c'è la stiamo a raccontare, oltretutto sul sito da come spazio minimo per l'installazione 1,5 GB nell'installer 1,1 , bah misteri, io avrei scritto per evitare menate ed attese 256 MB non 128 di requisiti minimi anzi 512Mb tanto ormai la RAMè crollata di prezzo .
Aspetto il travelstar da 32 GB per il PB e poi vi saprò dire .
Ore 18 e 15 lo confesso torno in x ,non sono contento e c'è tanto lavoro da fare ,con le app che aspetto di installare da ieri AppleWorks ,iCab ,iMovie ecc magari riesco a stampare .
Domani vi mando altro feedback
-- Fabrizio Pezzoli


From: Oliver_Duke
Date: Martedì, 27 marzo 2001 11:56:34
Subj: Carino ma...

Finalmente ho installato X (staccando la mia scheda SCSI che ne impediva l'avvio) e a dire la verità sono rimasto un pochino deluso. Di bug ce ne sono anche troppi, come hanno scritto altre persone, ma a parte questo una volta installato ho detto: "Bello, e ora?" . A parte un Text editor, il client mail ed Explorer, non ho trovato molte applicazioni da provare.
A proposito di Explorer, anche se beta, non è possibile che blocchi il computer al primo tentativo di avvio ( e la combinazione di tasti per terminare il processo non voleva saperne di funzionare), questo non è molto bello!
Non vorrei essere troppo critico, X è semplicemente stupendo ed ha un sacco di pregi, ma la mia impressione è quella di aver comprato un'altra beta pubblica (come sostenevano i maligni).


From: Lorenzo Maria dell'Uva
Date: Lunedì, 26 marzo 2001 18:52:04
Subj: Ho trovato un bug in MacOSX...

Ciao Rob, ti scrivo due righe per condividere la mia prima brutta esperienza con MacOS X.
Ho installato tutto da bravo bambino ma di funzioare Classic con il mio MacOS 9.1 su un altra partizione proprio non ne voleva sapere. Ho installato un nuovo MacOS 9.1 su un altra partizione e... tutto liscio.
Ho fatto 540mila prove ma niente all'avvio Classic semplicemente faceca il boot e poi si chiudeva e dovevo riavviarlo.
Alla fina ho risolto. Classic NON GRADISCE AFFATTO la presenza del file HOSTS nella cartella preferenze del sistema 9.1 Ospite.
Rimosso tale file si è avviato una bellezza e tutte le estensioni (anche quelle proprio non standard) sembrano funzionare bene.
Che dire? Troppo facile direte... ci sono volute SVARIATE ora per capire. Spero Che qualcuno possa beneficiare delle mie ore di lavoro (e bestemmie...).
Lorenzo
PS MacOSX è un PorTento. Ma è un PorLento.....
PPS Se riesci a leggere questo messaggio.... Eudora funziona in Classic!


From: Valter Toni
Date: Lunedì, 26 marzo 2001 15:30:11
Subj: X

Ho paura a parlar male di MacOS X, perché non vorrei che fosse un mio limite, un segno che gli anni passano anche per me... come quei vecchi che rimpiangono i tempi passati... come quando sentivo parlar male di win95 dagli utenti di windows 3... ma che fatica lasciare l'organizzazione delle mie finestre, dei miei alias così ben ordinati, forse dei miei schemi mentali consolidati ormai dal system 4 in favore di icone tipo "KidPix" e cuoricini "Barbie"... proviamo un po' a superare sta fatica, ma intanto che fatica vedere la rete!
Buon lavoro
Valter Toni


From: Sicario
Date: Lunedì, 26 marzo 2001 14:01:00
Subj: MAC OS X

Leggendo le esperienze dei Tuoi lettori sono riuscito a sistemare l'orologio nella barra dei menu che indicava il giorno solo in inglese.
Per la mia scheda SCSI una 2930 adaptec ultima versione ma con il Bios non upgradabile , non ci capisco niente . System Profiler la vede perfettamente Scheda SCSI Tipo scheda: scsi Nome scheda: ADPT,2930CU Modello scheda: ADPT,1686806-04 N° scheda ROM: 4.2 Revisione scheda: 3 ID produttore: 36868
Purtroppo se tento l'utilizzo del masterizzatore esterno che tengo collegato , un plextor 12x il sistema si pianta costringendomi a riavviare.
Un'altra anomalia strana e' che System Profile vede lo slot AGP come se fosse PCI mentre in 9,1 distingueva.
Vediamo se nei prossimi giorni le cose migliorano.


From: Giovanni A. D.
Date: Lunedì, 26 marzo 2001 13:25:02
Subj: * Grosso Bug di Mac OS X *

Talmente grosso che ho dovuto reinizializzare il disco.
(continuate a leggere, ho una mezza soluzione che potrebbe salvarvi se vi capita anche a voi :)
Tutto e' iniziato ieri pomeriggio mentre con iTunes 1.1 mi ascoltavo un cd di musica e ho provato ad inserire nel masterizzatore esterno usb un altro CD. Improvvisamente sopra lo schermo, compaiono delle scritte bianche su sfondo nero in stile terminale che pero assomigliavano di piu' alle "care" schermate blu di windows 9x ..
ok .. le cose che mi ricordo bene sono le parole "kernel" e "panic" che avevo gia visto con linux..
poi anche qualcosa come "USBMassStorage" e vari indirizzi di memoria.. (..)
e poi 2 scelte .. "continue c" "restart r"
ho premuto "c" un po di volte fin che si e' bloccato definitivamente e ho dovuto riavviare con il tastino di reset (quello che su certi modelli si aziona con uno spillo).
Mi son detto .. impossibile che succeda, su Mac OS X .. eheh.. e allora .. cosa ho detto.. vediamo se nelle stesse condizioni l'errore si ripete.. e in effetti e' venuta fuori ancora la bella schermata nera...
pero' questa volta ho digitato "r" e mi ha riavviato il computer .. mi e' sembrato di leggere "MACH restart" o "MACH reset".
Una volta riavviato e caricato il finder.. tutte le applicazioni erano diventate delle cartelle con estensione ".app" che non riuscivo ad aprire in nessun modo : tranne il finder, nessuna app. per Mac OS X partiva piu' .. nemmeno il terminale con cui forse cambiando un po di attributi avrei risolto il problema.. ma non partiva ! .. nemmeno le applicazioni sul cd di Mac OS X le leggeva come tali ma come cartelle !!
Ho cercato in molti modi di risolvere il problema ma alla fine ho dovuto inizializzare.
Visto che ormai avevo inizializzato ho deciso di fare qualche test..
(fortunatamente avevo tutti i miei dati su CD perche avevo inizializzato il disco prima di installare Mac OS X in una unica partizione)
Decido di installare subito Mac OS X (senza OS 9.1) e cancello i dati e creo una partizione UNIX al momento dell'installazione.
L'avvio di X con partizione unix (da quando accendevo il computer a quando il finder era caricato) era lunghissimo.. pero ho provato a far venire fuori la schermata di prima e riavviare in tutti i modi ma mi ha creato nessun danno.
Pero' era troppo lento e quindi ho reinizializzato, ho fatto una partizione da 2 GB per OS 9.1 e il resto per OS X, entrambe in formato Mac OS Esteso.
Ora sono in questa situazione; ho ricreato l'errore e per riavviare non ho premuto niente da tastiera ma ho premuto il tastino di reset al lato del computer e non ho avuto danni, quindi secondo me questo e il sistema consigliato di affrontare la "schermata nera" se vi capita di vederla...
Spero che questa mail non vi torni utile :)
Ciao, Giovanni - http://www.SIxMac.com


From: Maurizio
Date: Domenica, 25 marzo 2001 16:05:41
Subj: X "Accattatevillo"

Sono stato alla presentazione di "X" alla FNAC di via Torino a Milano. La FNAC è un grande magazzino di elettronica di consumo, libri, dischi,ecc... importato dalla Francia, ed ha aperto i battenti da poco. Nel piccolo forum permanente c'era molta gente che seguiva attentamente l'introduzione al nuovo sistema operativo.
Protagonista un fiammante "Titanium" con "X" già installato.
L'avvio è decisamente insolito per come eravamo abituati. Una bella X campeggia in mezzo a uno sfondo azzurro e due belle parole d'ordine da inserire e cioè user e password.
Fatto ciò e atteso 30 secondi o più di una inquietante schermata azzurra, senza che carichi nessuna estensione (siamo in altro mondo!) ecco che appare X in tutto il suo splendore.
Scrivania pulitissima, solo una foto-icona dell'hard disk al solito posto di sempre, il menù Apple al solito posto e il famosissimo dock in basso, dove appariva la pulsantiera una volta.
Le nostre scrivanie rimarrano per sempre pulitissime, e non potremo mai più creare quel piacevole disordine che caratterizzava qualche utente Mac. Se si prova a portare un documento sulla scrivania, quest'ultimo svanisce in un fumetto come nei migliori cartoni animati di "Will Coyote".
Qualsiasi finestra, icona, che appare sulla scrivania è ridimensionabile a piacere e semitrasparente, poiché il tutto viene ridisegnato in tempo reale senza sgranature. Anche un semplice testo scritto con la nuova incarnazione di Simple Text è in realtà un documento PDF direttamente esportabile e leggibile su qualsiasi computer. Il testo risulta incredibilmente chiaro e dai contorni precisi, ingrandibile a qualsiasi dimensione senza sgranare.
Passare da "X" al 9.1 e viceversa non è un problema, non ci si accorge nemmeno di cambiare sistema operativo. E' sufficiente fare il solito doppio click su di un documento realizzato con il 9 e partirà automaticamente il 9.1, e tutto ritorna esattamente come una volta.
In sintesi (45 minuti) hanno spiegato le basi su cui poggia "X" (o "Ten" come sottolineava il relatore) e sono state mostrate queste quattro cose carine che fanno molto effetto. Avrei preferito una dimostrazione di installazione vera e propria, e cioè partire con il 9 inserire il CD di "X" e installare il tutto, e poi spiegare,... ma in questo modo la "televendita" non si poteva fare,... e già... perché di questo si trattava, una breve spiegazione e poi ti invitavano a comperare la scatoletta di "X" che spuntava in ogni parte del magazzino, alla modica cifra di 299.000 lire (alla faccia) In conclusione, bello sì, è piaciuto anche al mio amico PC user e credo vale anche la spesa, ma personalmente aspetto un poco prima di fare il grande passo.
Maurizio


From: Marco Tiramani
Date: Domenica, 25 marzo 2001 18:02:28
Subj: Mac OS x

Ciao Roberto, scusa il tu ma oramai a furia di seguirti (da circa un anno e mezzo) mi sei diventato familiare. (ogni giorno alla 2 in pausa pranzo)
Dunque, credo di essere stato il primo in tutta Parma ad avere una copia di Mac OS x, e ne sono orgoglioso!!!
sono andato alla presentazione ieri mattina e me lo sono procurato.
ho visto insieme a degli altri ragazzi il terzo cd rom contenente il developer tools......
lo abbiamo installato e ... meraviglia!!!
per quelli che come me conoscono Linux e il suo ambiente di programmazione è una vera gioia!!!
emacs, cc, l'incubeditor più famoso al mondo: vi ......
grazie Jobs!!!!
mentre ti sto scrivendo ho un sacco di applicazioni aperte, ma il mio iMac non ne risente minimamente (forse perchého 320 MB! :-) ). solo una cosa non mi funziona bene: Napster con l'ambiente Classic non visualizza diverse frasi (forse dovute agli effetti trasparenza) non so, forse bisogna settare qualcosa ma c'è talmente tanto materiale che non so da dove cominciare. devo anche dire che possiedo un Mac da natale (iMac verdino) e che il Mac 9.x non l'ho imparato più di tanto proprio perchéaspettavo l'OS X
che dire, e chi ci ritorna a Windows!!
solo in una cosa mi piace Windows: mi da un sacco di lavoro!!! se tutti avessero un Mac noi tecnici avremmo molto più tempo libero.
Scusa se la mia e-mail ti sembrerà un po'"disordinata", ma la smania è tanta. Magari non appena mi sarà passata la frenesia ti farò sapere le mie prime impressioni in maniera un po' più oggettiva.
Ciao e continua così!!
Marco Tiramani Parma


From: Emanuele Bergamini
Date: Sabato, 24 marzo 2001 12:57:40
Subj: primo bug di Mac OS X

Bene, ammetto che aspettavo OS X da un sacco di tempo, e per quanto sia minore non è piacevole trovare un errorino proprio il primo giorno.
Ammetto che in realtà io sono in possesso della Release Candidate spedita agli sviluppatori, la famigerata build 4K78, che però a questo punto dovrebbe proprio essere la stessa in vendita da oggi.
Comunque, l'installazione procede benissimo, in italiano come lingua principale, e il sistema parte benissimo. Ho provato ad installarlo su un G3 266 desktop beige con soli 64MB, e su un G4 450MP con 256MB.
In entrambi i casi, a installazione completa, mi cade l'occhio sull'orologio in alto a destra che lampeggia con un bel "Thu 3:12 PM".
Ma non avevo messo l'italiano come lingua principale???
Vado nel pannello data e ora, e lì rimetto a posto l'ora in formato 24 ore, riscegliendo il formato italiano. Disabilito e riabilito il "Vedi giorno della settimana", ma il "Thu" continua a rimanere.
Allora vado nel pannello internazionale, e controllo l'ordine delle lingue. Cambio un po' quelle seguenti (metto l'inglese come seconda, poi lo spagnolo e sposto il tedesco in fondo, che tanto non lo so), e ancora non cambia nulla. Ritorno su data e ora, ancora disabilito e riabilito il "Vedi giorno della settimana", e finalmente mi appare il tanto sospirato"Gio".
Nel passato ho provato anche la DP3, la DP4 e la PB2 (quella a 7 lingue, non la primissima con 3 lingue), e di tutti i problemi che avevo visto, questo ovviamente non c'era (perché non c'era l'orologio nella barra, ovviamente).
Sigh. Speriamo in Mac OS X 10.1...
Ah, un'altra cosa: Mac OS x non dovrebbe essere multilingua? E allora perché sul sito Apple c'è scritto che "iTunes 1.1 per Mac OS X in altre lingue uscirà nelle prossime settimane?". La musica non cambia...
Emanuele


From: Sicario
Date: Sabato, 24 marzo 2001 14:29:37
Subj: OS X

ho installato il nuovo OS X e già si vedono i primi buchetti .....
Ho un G4 /466 640Mb Ram ho installato OS X su un disco secondario Nessun Problema e' fantastico ....
Ma ecco le mie personalissime prime impressioni La Data sulla barra dei menu' ha solo il formato AM/PM, il nome dei giorni e' solo in inglese, ma queste sono piccole imperfezioni rispetto alla gestione delle periferiche SCSI. Ho appunto una scheda SCI Adaptec 2930 A cui e' collegato un masterizzatore 12x Plextor e un lettore 40x Plextor . All'avvio nessun problema , la macchina fa il Boot senza difficoltà ma se inserite un CD vergine nel masterizzatore una bella schermata in perfetto stile UNIX VI COSTRINGE AL PRIMO RIAVVIO purtroppo. Anche l'inserimento di un CD sul lettore esterno crea la sessa angosciante schermata .Non mi sembra di aver trovato ancora soluzione a tutto ciò :
comunque il system sembra incredibile come promesso...


From: Davadry Insigno
Date: Venerdì, 23 marzo 2001 21:37:53
Subj: Spremuta di limoni sugli occhi aperti

Ciao Roberto Rota, inutile farti i complimenti non basterebbe il sito.
Mi chiamo Davide De Luca,mi occupo di design e progettazione web ho 31 anni, dal 1983 utilizzo macchine Apple.
Ti racconto la mia esperienza circa il MacOSX.
La nostra vita è costellata di avvenimenti immensi.
L'arrivo del MacOSX per i malati e gli intossicati di Apple rappresenta uno di questi.
Una Sys atteso da circa 1300 giorni.
Ho letto, ho sentito, ho visto? Inutile negarlo, ma molti di noi avevano a che fare con versioni K da un bel pezzo.
Ho voluto credere che fossero solo delle build per gli sviluppatori ed invece... ed invece mi ritrovo una bella 4K78 nuova di pacca di circa 20 giorni. Dalle mie parti si dice:"E' un pezzo che sei arrivato ora".
Premesso tutto il bene di questo mondo ad Apple, premesso che è un sistema bellissimo, efficiente, stabile, mi chiedo: "La velocità dove l'hanno lasciata?".
Ho il pacchetto da circa due giorni (quello ufficiale). Mi sento frustrato. Chi sono coloro che affermavano che le finestre avevano un resizing fluido come NT/2000 (leggi wwww.mosr.com o macnn...), che il sistema schizzava etc.
E' davvero una situazione da spremuta di limoni negli occhi.
Ho fiducia in Apple, riconosco il valore dei programmatori, riconosco la complessità del SYS però anche l'occhio vuole la sua parte. Non posso passare parte del mio tempo a ridimensionare le finestre che scattano come impazzite. Ridimensiono e non so dove farà il refresh.
Per il resto il sistema è molto stabile. Da circa 24 ore aperto a palla e lavora in ambiente classic che è una bellezza. Ho provato alcune forzature tipo OS9, per far bloccare il sistema, ma ancora nulla.
Tutto questo su di un G4 400 AGP 320 Mb. Sul G4 533 MP 640 mb, le cose migliorano ulteriormente in termini di fluidità generale ma il dramma delle finestre rimane comunque. Sono lente anche alcune procedure tipo connettersi in una rete locale e soprattutto la ciofeca di Explorer che o si chiude da sola o non si chiude e bisogna forzare (Microsoft Docet). Pazienza, tanto anche se una applicazione si blocca X continua a lavorare su altri fronti.
Secondo me il Finder fa troppe cose. Soprattutto se si "imballa" come nel caso delle connessioni in rete locale. Il Finder rimane "rinco", e la rotella gira fino a quando non appare il messaggio di mancato aggancio ad una altro computer. Questo tempo può variare da alcuni secondi a qualche minuto. In alcuni casi non si sblocca più.
Ho risolto posizionando nel dock l'icona del process viewer. Agendo su di essa si sblocca il finder.
A mio avviso sono solo problemi di gioventù e comunque poca cosa rispetto a tutte le bellissime caratteristiche del nuovo MacOS.
La mia impressione su i G4 è molto positiva.
La cosa cambia drasticamente sui G3 e francamente sono rimasto imbarazzato. Sul G3 450 B&W oggi abbiamo collezionato una serie di Kernel Panic con discesa di testo bianco su fondo nero modello Linux e relativo freez totale. Nessuna possibilità di aprire un terminale per sbloccare la macchina. La calcolatrice si avvia dopo 20 "salti". I blocchi arrivano prevalentemente dal Classic e da operazioni banali come decomprimere un file .zip con stuffltexpander. Mah!...
Sull' iMac 350 Indigo il ci volevano operazioni di massaggio cardiaco. Niente da fare, la risposta è lentissima.
Non oso pensare il funzionamento su gli iMac 233 prima generazione.
Si vocifera di un upgrade di sblocco a fine settimana ed di una 4K83.
Sulla rete ci sono notizie che hanno del pazzesco se fossero vere. Si dice che le versioni europee per errore hanno conservato la scritta 4K78 e che le primissime versioni contengono ancora codice di debugger. Quello che ho saputo indirettamente è che a fine Aprile ci dovrebbe essere un upgrade. Solo voci?
Comunque godetevi "questa Beta 2" ne vale la pena, in attesa del system finale a Luglio.
Davide De Luca Apple user dal 1983


From: Daniele Baracchi
Date: Venerdì, 23 marzo 2001 22:15:36
Subj: OS X

Dopo attese lunghissime, ecco che Apple si appresta ad aprire un'altra epoca nell'informatica. L'aveva gia' fatto con l'Apple II, con il Macintosh ed il Lisa, con il System 7 e con l'iMac. Finalmente anche l'Os si modernizza, e gli utenti non possono che osannare il lavoro fatto: un sistema Un*x (la stabilita' e potenza per eccellenza) con la semplicità del Mac, il primo sistema che non differenzia utenti e sviluppatori, computer da scrivania o server Internet. Un sistema atteso da anni: prima Copland, miseramente fallito e convogliato in OS 8, poi BeOS, anch'esso cancellato a causa di accordi commerciali falliti, e dopo Rhapsody, nato dall'inglobazione da parte di Apple di NeXT, un OS Unix puro con semplicità proverbiale. Lo stesso Rhapsody che ora troviamo in OS X Server e preso in MacOS X. Una ragione d'invidia per chiunque non abbia un computer della mela, che forse si rivelerà la vera forza dei Mac nei prossimi anni. Un sistema che, oltre a garantire la compatibilità con il passato, apre nuove porte per il futuro - un futuro sempre più vicino, basti pensare a Cocoa. Per non parlare dell'ambiente di sviluppo, invidiato alla sua prima uscita sulle workstation NeXT e ancora ineguagliato per la sua potenza, un ambiente che promette di far convertire al Mac-pensiero molti sviluppatori picciotti. Mentre sto scrivendo sono le 22:10 circa del 23-03-2001, e probabilmente domani sarà una data storica per l'informatica, una data che sarà ricordata a lungo come una rivoluzione dei sistemi. Questo e' l'inizio di un'era - un'era nella quale non ci dovremo accontentare di Sistemi Operativi che si bloccano in continuazione, ma nella quale avevo un VERO Sistema Operativo. Se poi l'azienda di Cupertino continuerà a essere in buona salute non e' possibile prevederlo, ma se Apple continuerà a mantenere la sua dinamicità , e' probabile che un giorno Macintosh sia lo standard.
DBS

 

Supporta questo sito, dedica un click agli sponsor!