Vai alla versione corrente di Tevac, dove si parla di Apple, Macintosh, iPad, iPhone e Digital Lifestyle

 

Spigolando...

News di maggio 1999

[ Ultimissime News ] [ Archivio mesi precedenti ]


Lunedì 31 maggio 1999

Il fine settimana dal clima ormai estivo deve aver distratto il lavoro degli sviluppatori, infatti in questa edizione non ci sono particolari news da segnalare.
Ne approfitto perciò per continuare un paio di riflessioni su argomenti che nelle scorse settimane hanno trovato molto risalto nei luoghi tipici di discussione su Internet, newsgroup e mailing-list.
Ne ho approfittato anche per alcune lievi modifiche strutturali della parte bassa di questa pagina e del sito, che spero siano di vostro gradimento.

Che la Spagna fosse un osso duro si sapeva, ma se non ci si mettevano prima Irvine con la sua partenza da lumaca e Villeneuve poi a fare da tappo per 1/3 di gara le cose sarebbero andate sicuramente meglio.
Vabbe', lo so, con i se e con i ma se mio nonno aveva le ruote era una Ferrari Testarossa, ma l'avete visto poi Schummy non appena s'e' scrollato di dosso l'indegno figlio di suo padre Gilles? Tutta un'altra musica!
In quello che doveva essere un GP tutto in difesa la Ferrari ha dimostrato di esserci tutta, e nemmeno troppo dietro, e che questa volta è mancato solo il "fattore C", nonostante una minore velocità di punta.
Ah, le maledizioni del popolo ferrarista quando fioccano vanno a segno e fanno molto male, e se non erano quelle è stata una giustizia divina a fermare Villeneuve, con tanto di beffa.
In ogni caso un terzo e un quarto posto, da festeggiare comunque, che limitano i danni e fanno ancora ben sperare, e ora in Canada!

[AntiVirus] Virus Definition di giugno per Norton Antivirus.
Rilasciate come al solito con qualche giorno di anticipo le Virus Definition di giugno per Norton Antivirus.

Netopia per l'assistenza remota.
L'azienda leader del networking ha utilizzato il suo programma di controllo a distanza per le fondamenta di una nuova applicazione House Call.
La compagnia intende utilizzare il nucleo funzionale del programma per fornire uno strumento a coloro che desiderano effettuare operazioni di mantenimento e riparazione a distanza su altri sistemi Macintosh.
Tra le caratteristiche del programma la possibilità di accedere al disco rigido di una macchina remota ed il trasferimento di file da questo. Il programma inoltre fornisce una cosiddetta "ask of permission" cioè la richiesta di permesso, caratteristica che fornisce completa sicurezza utilizzando una qualsiasi connessione TCP/IP o via modem.
Inoltre, con il rilascio del programma la Netopia ospiterà 24 ore al giorno un server definito "House Call Internet Locator" che "unirà" l'indirizzo e-mail dei "pazienti" con il loro indirizzo TCP/IP, permettendo così ad un qualsiasi "medico" di connettersi con il paziente, soltanto ricordando il suo indirizzo e-mail.
La Netopia afferma, a riguardo di una delle salienti caratteristiche del prodotto:
Utilizzando una singola linea telefonica, si può passare da un collegamento via modem con House Call e la telefonata-voce con un altro utente. Ad esempio, mentre si supporta un "paziente" mentre questi sta istallando un nuovo programma, é possibile parlare con l'utente stesso attraverso la linea telefonica e quindi passare al collegamento via "House Call" e controllare lo stato dell'istallazione sul suo disco rigido. Quindi ripassare alla telefonata ancora...
Info disponibili all'indirizzo di Netopia. (Daniele Volpi)

[Recensita] Stealth Serial Port, una seriale per i G3 Yosemite.
Avete presente i nuovi G3, quelli senza seriali? Non più.
Ho provato Stealth Serial Port, non un adattatore ma una scheda da inserire al posto del modem interno, e che garantisce in questo modo una compatibilità, a detta del produttore, pressoché totale.
L'installazione è facile e richiede non più di 5 minuti, ed al primo riavvio non ci sono più problemi per stampanti, modem, fotocamere digitali, computer palmari e periferiche MIDI.
Eco le mie prime impressioni di utilizzo di Stealth Serial Port.

Personalizzarsi le icone a 32 bit.
Avete presente le icone da quando è uscito l'8.5?
Belle, profonde, suggestive e con tanti colori: con un plug-in per PhotoShop di Kinetic Creations ora è possibile crearsene di personalizzate in un attimo.

Server per mailing-list e risponditore freeware.
Nuova versione per il list-server e risponditore freeware AutoShare 4.0 di Mikael Hansen, che può essere usato sia con EIMS che con SIMS. La versione 4.0 introduce il supporto di CGI per l'utilizzo in congiunzione di Macintosh web server, un certo numero di nuove utility AppleScript, il supporto per i programmi software della Rebound e alcune migliorie e bug-fix. (Daniele Volpi)

Proprietà nascoste di LaserWriter.
Leggo su Macintouch della possibilità di settare molte proprietà nascoste della stampa tramite il driver LaserWriter, nella versione fornita con Mac OS 8.6.
Basta tener premuto il tasto Opzione mentre si seleziona il il menu a tendina con le specifiche della stampa, e come ultima voce appare un "Preferenze" che altrimenti non si attiva.
In questa nuova schermata è possibile decidere alcune opzioni anche molto importanti, come il dialogo totale con il PPD, la possibilità di non inviare mai dati in formato binario ed altri settaggi.

Ancora su AppleShare IP 6.2.
Riassunto delle puntate precedenti: Apple rilascia la nuova versione di AppleShare IP 6.2, a pagamento e pure molto cara, e gli utenti insorgono ritenendo ingiustificabile un simile prezzo che, ricordo, era di 19 Dollari per chi aveva comprato AppleShare IP dal 19 aprile scorso e 499 Dollari per tutti gli altri.
I principali siti di informazione sul Mac, le mailing-list ed i newsgroup americani sono diventati immediatamente teatro di lamentele proteste di ogni genere, un coro pressoché unanime che definiva assurdo un costo così elevato per quella che viene definita poco più di una bug-fix release.
Evidentemente Apple deve frequentarli molto spesso perché immediatamente dopo è uscita la quotazione ufficiale del nuovo aggiornamento: gratuito!
Encomiabile come ai vertici Apple, almeno in Usa, siano così attenti agli umori ed alle indicazioni provenienti dai mezzi di informazione e di discussione, un ottimo modo per stare vicini ai propri utenti, e per farsi ben considerare.

La storia di AppleShare IP me ne ricorda inevitabilmente un'altra, questa volta di casa nostra.
Sicuramente ricorderete la faccenda di FreeHand 7, regalato questo mese nelle riviste solo in versione PC, non sto certo a rifarvi la storia.
La discussione continua, con mille sfaccettature, su it.comp.macintosh, il newsgroup italiano dedicato alla mela iridata, e con molto piacere ho notato come i vertici della distribuzione italiana dei prodotti Macromedia, nella persona di Italo Vignoli, vi abbiano preso parte con molta tranquillità e replicando a tutte le domande.
Il clima ora è molto più sereno, grazie anche a questi interventi, e lo stesso Vignoli ha preannunciato prossime iniziative che avrebbero riguardato gli utenti Macintosh, con qualche sorpresa.
A mio avviso un altro buon esempio da imitare in futuro, ed un chiaro invito alle software-house ed ai distributori italiani di seguire maggiormente umori ed indicazioni provenienti anche dalle discussioni nostrane.

Si discute di Musica...
L'amico Gabriele Caniglia mi informa che l'indirizzo di Musimac nella pagina delle mailing-list italiane era errato.
Ecco l'indirizzo corretto per la pagina web di MacMusic, mailing-list gestita da Gabriele sulla musica e le sue applicazioni su Macintosh, ed ora sulla pagina delle mailing-list italiane c'è anche la form per iscriversi automaticamente.

FirstClass compatibile con Mac OS 8.6.
Oltre alla patch già disponibile per la versione client di First Class v5.51, la SoftArc ha rilasciato una patch pure per la versione del sua client v3.5, così da renderlo compatibile con il nuovo Mac OS 8.6.
Entrambe le patch possono essere scaricate dal sito SoftArc. (Daniele Volpi)

SerMac, la mailing-list per il networking e i sistemi su Macintosh..
Non è una nuova mailing-list, ma è l'unica in italiano dedicata unicamente agli utilizzi professionali del Macintosh. Si tratta di SerMac, ideata e moderata da Mauro Dalu. Anche di questo salotto telematico, nella pagina delle mailing-list italiane, c'è l'indirizzo web e la form per l'inscrizione.
Invito caldamente chiunque abbia bisogno di un luogo per discutere di problemi e tendenze professionali, legati al networking ed affini, di farci un giro.

Aggiornati i bookmark.
Pensavo non ci andasse nessuno, ma mi sono dovuto ricredere dopo alcune segnalazioni di link errati.
Allora ne ho approfittato per aggiornare la pagina dei bookmark aggiungendone qualcuno di nuovo, e pure una form per la segnalazione di siti interessanti e/o eventuali errori negli indirizzi già presenti.


Venerdì 28 maggio 1999

Da questa edizione Daniele Volpi, per gli amici Volpino e che sicuramente già conoscete per la sua rubrica TatzeBAO, mi aiuterà nella ricerca e nella stesura di queste news. Ringrazio Daniele per l'impegno e la collaborazione, del tutto amichevole e disinteressata, che ha deciso di prestare nella realizzazione di questo sito.
Altra cosa, ringrazio pure quanti fino ad ora mi hanno inviato i loro consigli per migliorare questo sito ed invito chi non l'ha ancora fatto a
inviarmi le sue impressioni: cercherò di rispondere a tutti ma abbiate pazienza, la mia e-mail sta assumendo dimensioni bibliche....

Aggiornamento AppleShare IP 6.2 gratuito.
L'aggiornamento della nuova versione di AppleShare IP 6.2 sarà gratuito per i possessori delle versioni 6.x, contrariamente a quantro segnalato in news precedenti. Forse che Apple ha dato ascolto ai tanti malumori che si erano manifestati sul web e sulle principali mailing-list e gruppi di discussione?
Brava Apple...

Nuovi driver per la TurboTV
IXMicro ha aggiornato i driver per la TurboTV (o ixTV come la chiamano ora).

Con 8.6 batterie più durature.
Ho potuto verificare personalmente che con Mac OS 8.6 le batterie dei PowerBook durano più a lungo. Il mio metro è il tragitto ferroviario Roma - Bologna, che effettuo abbastanza spesso, e regolarmente più o meno a Firenze sono costretto ad inserire la batteria di scorta sul mio PB 5300c. Questa volta, la prima con l'8.6, ho già abbondantemente lasciato il capoluogo toscano e l'indicatore della batteria è ancora lontano dall'essere in riserva.

Momento d'oro per le azioni Apple.
Oggi il trend positivo dei titoli tecnologici quali IBM ed Apple stessa ha spinto le azioni fino a +6,17%. (Daniele Volpi, fonte www.MacObserver.com)

Flashnet cambierà nome?
Indiscrezioni raccolte nel mio ultimo viaggio di lavoro a Roma vogliono che Flashnet, terzo provider italiano appena acquisito integralmente dalla tedesca Cybernet Group per 50 miliardi di Lire circa, tra due mesi cambierà nome assumendo quello del network pan-europeo.
Per gli utenti sarà tutto trasparente e indolore, così mi è stato riferito, e ci si augura anche che i nuovi proprietari alzino maggiormente il già elevato standard qualitativo del provider romano.

La metà oscura della forza .
La metà oscura della forza aspetta con apprensione l'uscita di Win 2000? E noi ci godiamo l'8.6....
Ma per quelli che proprio non ne possono fare a meno AppleInsider, che si scopre essere un posto decisamente interessante, ci delizia con una serie di report speciali tutti dedicati al MacOS 8.7 o Sonata, pronto a faci sognare le sottili novità di X....
E si, perché non é escluso che Sonata arrivi abbastanza presto con il nome definitivo di Mac OS 9, primo passo per l'avvicinamento a Mac OS X Client... (Daniele Volpi)

[Press Releases] News da Turnover.
Turnover ha stretto un accordo di distribuzione in esclusiva per l'Italia della linea di prodotti per comunicazione Kortex. Kortex offre una vasta gamma di prodotti per la comunicazione, il frutto di 15 anni di esperienza, per l'uso domestico o l'ufficio, che offrono alte prestazioni ed incredibile facilità d'uso: modem RTC, modem stand-alone che rispondono al telefono, dispositivi ISDN e ISDN/RTC per Windows e Macintosh. Turnover rende disponibile, a partire dal 1 di giugno, un prodotto assolutamente nuovo della linea Kortex (...)
Turnover e XLR8 regalano HW! XLR8 sorpassa la concorrenza e da oggi regala, all'acquisto di una scheda MACh Speed G3 o G3Z, il grande "Performance Bundle". Registrando l'acquisto di una scheda di aggiornamento a G3 XLR8 MACh Speed G3 o G3Z, a 300 o 400MHz, al sito www.xlr8.com, l'utente riceverà senza costi aggiuntivi il "Performance Bundle" (...)

Dimenticanza...
Mi è stato fatto notare che il sito del POC (PowerBook Owners Club), che conosco personalmente e di cui sono socio, non compare tra i link consigliati da Tevac News.
Chiedo venia a Fab e a tutti gli altri amici del POC, ringrazio Gianfranco Paolozzi per l'amichevole rimprovero, rimedio subito e alzo la posta: cari lettori, anche se non possedete un PowerBook andate assolutamente a visitare il sito del PowerBook Owners Club! :-)

Problemi di convivenza tra PageMaker e 8.6.
Sul sito MacFixIt si raccomanda agli utilizzatori di PageMaker di non effettuare l'aggiornamento del sistema operativo a Mac OS 8.6, visti i continui report di problemi che continuano a giungere al sito americano.
Sempre secondo MacFixIt, Adobe e Apple stanno lavorando per risolvere il problema.

Nuove recensioni su ITALIAMac
Gli ITALIA Mac Labs hanno testato per voi DeAgostini Omnia Mac Gold. L'enciclopedia multimediale che ha avuto piu' successo fra gli utenti Windows finalmente anche per Mac.
Inoltre, ITALIA Mac ha messo online la prova su strada della scheda grafica dedicata all'accelerazione dei videogiochi 3D MacMagic della Village Tronic. Questa scheda è dedicata a tutti i video-giocatori, anche non "professionisti", per la potenza per il costo non è eccessivo e per la semplicità di installazione.
Colgo l'occasione per ringraziare gli amici di ITALIAMac delle belle parole, sulla loro home, riguardo le 10.000 visite appena festeggiate da Tevac News. :-)

L'amministrazione remota secondo Timbuktu.
Appena annunciato il nuovo Netopia Timbuktu Pro 5.0, noto software per l'amministrazione remota dei sistemi. Nelle prossime news maggiori dettagli sulle nuove funzionalità e migliorie apportare.

Aggiornamento per le Norton Utilities.
Symantec Norton Utilities 4.0.4 (aggiorna la versione 4.0.3) e risolve i problemi con gli iMac 333 Mhz e FileSaver, quando questi tentano di salvare i propri file oppure quando da tali macchine si ripartiva dopo l'iniziale istallazione delle Norton stesse. Risolve inoltre incompatibilità dello stesso FileSaver con utility di formattazione degli HD quali Anubis v3.x e APS Power Tools v4.x . (Daniele Volpi)

WebSTAR alle porte?
Rilasciata la nuova versione preliminare WebSTAR Server Suite 4.0pb4 , considerata secondo indiscrezioni la "Golden master" della nuova suite di applicazioni per Internet, evoluzione dl ben noto server web che tra gli altri server fa funzionare anche Tevac News.
Tra le numerose caratteristiche della nuova suite, molto complessa e già segnalate in precedenti news, va segnalata l'integrazione di LASSO, di cui Starnine è licenziataria e supporter, che facilita e potenzia l'inserimento di database di FileMaker Pro e ODBC sul web. (Daniele Volpi)

Server per mailing-list.
LetterRip Pro 3.0.5 è la nuova release del potente server per mailing-list.

Alternativa a "Opzioni Menu Apple".
Rilasciato BeHierarchic 4.0 , nuova versione dell'utility che sostituisce di fatto il controllo Opzioni Menu Apple del sistema. Non ho ancora avuto modo di provare quest'ultima release, e quindi di scoprire se lo sviluppatore è riuscito a superare il limite dei cinque livelli nei menu gerarchici, in ogni caso è una valida alternativa al controllo analogo offerto con il sistema operativo, spesso causa di parecchi fastidi.

Vicomsoft, il DHCP e il DNS.
La nuova versione rilasciata per Mac e Win del programma della Vicomsoft, Internet Gateway and SoftRouter utilizza sia server DHCP che DNS locali. Il server DHCP configura automaticamente i settaggi TCP/IP per tutti i computer del network, riducendo le risorse di amministrazione richieste.
Il server DNS locale risolve i nomi di host locali in indirizzi IP, rendendo possibile il ricordare nomi piuttosto che numeri per localizzare web server personali ed altre risorse distribuite sulla lan. Il programma integra i server DCHP e DNS, rendendo possibile il risolvere nomi di host locali pure quando questi sono assegnati dinamicamente via DCHP. con prodotti che gestiscono separatamente server DCHP e server DNS questo no dovrebbe essere possibile, dice la Vicomsoft.
Il programma, comunque, permette ai computer di essere spostati, rinominati oppure di riassegnarne gli indirizzi con dei nuovi senza alcun problema o effetto alla configurazione del network. Sia il server DCHP che quello DNS possono essere pienamente utilizzati sulla stessa lan.
Maggiori informazioni presso: http://www.vicomsoft.com/products.html. (Daniele Volpi)

Problemi di FWB con i dischi UltraDMA
FWB, produttrice di HardDisk ToolKit ed altre note utilities, ha rilasciato una nota tecnica, G3 UltraDMA problem, in cui avvisa di problemi anche seri con i dischi rigidi UltraDMA sui nuovi G3.

Aumenti ed altre storie Telecom.
Direttamente dalla mailing-list di Tariffe.it una news su argomenti molto sentiti in questi ultimi tempi, e che riporto pari-pari:

"Si preannunciano all'orizzonte nuove rivoluzioni tariffarie in casa Telecom Italia. Si sta discutendo proprio in questi giorni dell'aumento del costo telefonate urbane TUT (nell'ordine del 10-20%). In cambio l'Authority assicura che le telefonate interurbane e quelle internazionali saranno ritoccate al ribasso per adeguarsi alle tariffe europee. La preoccupazione comune e' che tale provvedimento freni lo sviluppo di Internet nel ns. Paese, proprio in un momento in cui l'Italia, da fanalino di coda, sta cercando di riguadagnare il terreno perduto.
Entro la fine dell'anno, assicura l'Authority sara' finalmente data a tutti i concorrenti di Telecom la possibilita' di effettuare chiamate urbane, presumibilmente attraverso l'affitto dell'ultimo miglio. Vi ricordo che l''ultimo miglio' conosciuto anche come 'local loop' (di proprieta' esclusiva Telecom), altro non e' che il doppino telefonico in rame che arriva in casa dall'utente.
Altre novita' prevedono la sostituzione, sempre per Telecom, della tariffazione a scatti con quella a secondi, gia' utilizzata da tutti i concorrenti più agguerriti e l'introduzione delle tariffe di prossimita' per agevolare le telefonate tra zone confinanti."

Apple illustra se stessa a Napoli
Traggo spunto da una news apparsa su ITALIAMac:

"Buongiorno a tutti. Sono Diego Piacentini e sono il general manager della Apple Europa. Perché a tenere questa Lezione qui a Napoli è stata chiamata la Apple e non la Microsoft (...)"

Inizia così la pagina con l'intervento di Diego Piacentini in una "Lezione Napoletana", che vi consiglio di leggere perché si parla di Apple a 360 gradi.

Cisco e FireWire.
Cisco adotta FireWire nei nuovi switch 3500XL, che possono interfacciarsi fra loro con collegamenti IEEE 1394.

Monitorare i monitor.
Leggo su AppliNews, la mailing-list di Applicando, la notizia di una utility freeware che si prospetta molto interessante:

" Internet. Volete sapere tutto, ma proprio tutto, sul monitor che state usando? Scaricate Simple DDC 1.2 di Griffin Technology, un freeware che promette di dire vita morte e miracoli dello schermo che state guardando (oltre che risoluzioni, tipo, produttore, data di costruzione, frequenze, pixel, sync input...)."


Mercoledì 26 maggio 1999

E' con vero orgoglio, quasi paterno, che festeggio le prime 10.000 visite, per la sola home page, da quando Tevac News è totalmente 100% Macintosh. Un risultato raggiunto in poco meno di tre mesi, con quasi un mese di anticipo rispetto le più rosee previsioni di tre mesi addietro.
Perdonatemi l'auto-celebrazione, ma è una scusa come un'altra per un sentito grazie a tutti voi che continuate a tornare da queste parti.

Prime rogne per AppleShare IP 6.2.
Non si parla di problemi tecnici, ma economici: AppleShare IP 6.2 non è ancora negli scaffali dei rivenditori (e nemmeno negli Apple Store, a quanto mi risulti) che già comincia a far discutere e a beccarsi le prime critiche, e nemmeno tanto leggere.
Anche se non ufficiali cominciano già a circolare le quotazioni dl nuovo software, che vogliono il pacchetto completo per 10 utenti a 499$, stessa cifra per l'upgrade da versioni precedenti senza limitazioni di utenti, e 19,95$ per chi ha comprato AppleShare IP 6.1 dal 19 aprile scorso fino al prossimo 19 giugno.
Obiettivamente la nuova versione offre diverse migliorie ma non cambiamenti radicali, in ogni caso non sufficienti, anche a mio parere, da giustificare un così elevato costo per l'aggiornamento.
In alcuni siti americani molti lettori paragonano il nuovo aggiornamento, in questo caso forse esagerando perché le novità ci sono e palpabili, poco più di una "bug-fix release", con quindi ancor meno motivi per giustificarne il costo.
C'è solo da sperare che le menti di Cupertino, sempre molto attente a quanto succede sul web e nei gruppi di discussione, avvertano l'aria di maretta e prima di rilasciare le quotazioni ufficiali abbiano modo di rivederle.
A mio avviso ripeto le migliorie e le novità ci sono e innegabili, almeno sulla carta, ma non tali da giustificare un upgrade a prezzo pieno. Una cifra equa, sempre secondo il mio parere, dovrebbe attestarsi al massimo sui 70/100 Dollari per i possessori delle versioni precedenti.

Le prestazioni di AppleShare IP 6.2.
Apple ha rilasciato una pagina con dei significativi benchmark della nuova versione del server, eseguiti sia con client Mac che Windows.

Microsoft alle barricate per Linux?
Ma non era stata proprio Microsoft a dire che la concorrenza di Linux era inesistente? Secondo un articolo di Punto Informatico, pare che la rotta sia cambiata e che ora, tra gli sviluppatori al soldo di Bill Gates sia stato formato un team per contrastare l'avanzata del noto sistema operativo open-source, sempre più utilizzato nei server anche al di fuori delle esigenze di Internet.

QuickTime 4, lo sviluppo procede.
Rilasciata un'altra versione beta, si tratta di QuickTime 4.0b24. Se si è già prelevato l'installer "intelligente" con precedenti versioni, è possibile utilizzarlo anche per questa nuova versione preliminare.

Altri aggiornamenti di rilievo:

  • BBEdit 5.1, tra le tante migliorie, offre un nuovo supporto al linguaggio Perl.
  • Macromedia Director 7.0.2 integra supporta ora lo straming con MP3 e QuickTime 4.
  • Macromedia Flash 4 sarà disponibile il prossimo giugno.
  • Musashi 3.1 è la nuova versione del particolare client shareware multi-account per la posta elettronica.
  • Alpha 7.2, nuova versione del potentissimo editor di testo che supporta i linguaggi Fortran, C, Html ed altri.

Sopra le nostre teste.
Le mailing-list sono sempre fonti di news e curiosità impagabili. Se volete visitare un sito davvero originale, andatevi a vedere queste riprese satellitari: se puntate bene con il mouse, c'è il rischio che riconosciate i dintorni di casa vostra. (Letta sulla m-list di Snifffer)

Offerta di lavoro ad Udine.
Pubblico volentieri questa richiesta di Ermes Bigatton, dove si cercano professionisti del Macintosh:

Cercasi grafico/i:
a) junior art director,
b) esecutivista.

Si richiedono:
- buona conoscenza procedure lavoro all'interno agenzia pubblicità,
- buona conoscenza iter produzione (impianti e stampa)
- ottima organizzazione proprio lavoro,
- sia capacità progettazione (creatività), sia tecnica (esecutivista),
- conoscenza fondamentali piattaforma Mac (QXP, PS, FH/Ill, ...)
- esperienza costituisce titolo preferenziale.
- No informatici puri, no grafici privi dei titoli indicati.

Sede lavoro: dintorni Udine
Disponibilità: immediata
Inserimento in piccola agenzia a servizio completo, con clientela composta da aziende produttive e tecnologiche.
Rispondere direttamente via e-mail

Dizionario Informatico.
Ricevo da Ivan Gobbo, e pubblico volentieri:

"Desideriamo portarvi a conoscenza di una nuova importante iniziativa che vuole coinvolgere tutta la comunita' Mac italiana. Se avete un po' di spazio, vi preghiamo di informare i vostri lettori.
Il Dizionario Informatico e' un ampio dizionario ipertestuale contenente definizioni di termini informatici e immagini consultabile online (http://www.dsi.unive.it/~flongo/diz). Il dizionario e' curato da Francesco Longo e si avvale del contributo di quanti desiderano collaborare. Da alcuni giorni e' partito un nuovo progetto che ha come obiettivo quello di portare un certo numero di vocaboli informatici (ancora da stabilire) in un plug-in gratuito per il programma shareware English-Italian, un dizionario inglese/italiano largamente diffuso tra gli utenti Mac. Per portare a termine questo progetto c'e' bisogno dell'aiuto di quante piu' persone e' possibile. Se desiderate collaborare vi preghiamo di contattare Francesco Longo all'indirizzo flongo@dsi.unive.it.
Grazie fin d'ora per la collaborazione."

Lettera aperta ad Apple.
Sulla scia della versione di FreeHand 7 per Windows distribuita gratuitamente sulle riviste, tra le tante iniziative di sensibilizzazione segnalo quanto mi scrive Andrea Facchin:

"La decisione di Macromedia di regalare la licenza di FreeHand 7 ai soli utenti Windows ha scatenato le ire dei MacUser. Si è fortemente dibattuto della questione su it.comp.macintosh e molti di noi hanno già scritto sia a Macromedia che ad Apple.
Ho scritto una lettera aperta ad Apple che mi propongo di inviare il prima possibile.
Ti sarei grato se mi permettessi di informare anche gli iscritti alla tua mailing-list. Chi volesse sottoscriverla posti la sua adesione a andref@lycosmail.com semplicemente dicendo: "concordo con i contenuti della lettera e ti autorizzo a sottoscriverla con il mio nome", magari aggiungendo anche la professione."

L'iniziativa di Andrea ha gia' riscosso molte adesioni nelle mailing-list e nei newsgroup, e se volete sottoscrivere anche voi questa lettera aperta ad Apple, eccovi il testo integrale con l'indirizzo di Andrea.

Sull'argomento, per dovere di cronaca anche se si tratta solo di indiscrezioni per ora, ritengo doveroso precisare che, da quanto si legge specialmente sul newsgroup it.comp.macintosh, i responsabili italiani del Marketing di Macromedia avrebbero risposto ai molti utenti Mac indiavolati e che, a fronte di tanta bufera, starebbero organizzando una iniziativa analoga anche per la piattaforma Macintosh per i prossimi mesi.
Attendiamo fiduciosi...

Corso di AppleScript.
Gli amici de "ilMac" mi segnalano di aver aggiornato il loro sito, e tra le ante novità di aver pubblicato la seconda parte del corso di AppleScript.

Sperimentazione telematica a Bologna.
Una notizia interessante per i lettori bolognesi, che riporto integralmente dalla mailing-list di Tariffe.it:

"Telecom Italia, Carisbo, IBM e CNR ha dato vita ad un progetto sperimentale multimediale con l'obiettivo di semplificare la vita al cittadino. Grazie a un'Set Top Box' fornito da Telecom, un televisore e una linea telefonica 1700 bolognesi possono collegarsi a Internet e accedere cosi' al sito 'www.bopervoi.com' per usufruire di svariati servizi di comune utilita'. Il pagamento di eventuali beni e/o servizi acquistati avviene naturalmente on-line."

La rete fatta in casa.
Un nuovo prodotto, molto curioso quanto interessante, dagli specialisti delle reti di Farallon. Si tratta di HomeLine, che permette di collegare in rete PC e Mac utilizzando le linee telefoniche domestiche, e di permettere l'accesso contemporaneo ad Internet dai computer collegati.
Non è una rete particolarmente veloce, circa 1/10 di una classica Ethernet, ma per un utilizzo domestico potrebbe risolvere parecchi problemi, come la stesura di nuovi cavi e simili. Risulta essere anche particolarmente economica, in quanto il kit per collegare due computer (schede, software e cavi) costa poco meno di 140 Dollari.


Martedì 25 maggio 1999

Ieri, per tutta la giornata, ci sono state difficoltà di collegamento a queste pagine. Chi ha tentato di collegarsi a www.tevac.com può aver riscontrato errori di collegamento o pagine bianche per risposta.
Nessun problema invece collegandosi all'indirizzo reale, quello che leggete nel browser e che corrisponde a tevac.quesse.it. Infatti i problemi non erano dovuti al server WebSTAR di Q&S, con il G3/400 che ha continuato imperterrito a svolgere il suo lavoro, ma a quei "simpatici americani" di Namesecure.com, che hanno in gestione il reindirizzamento del mio dominio e che nella giornata di ieri hanno pensato bene di mettersi a fare prove di ogni genere.
In un futuro spero più che imminente, è già stata avviata la modifica sul dominio, chiamando www.tevac.com la risposta sarà direttamente questa pagina, senza passare da nessun reindirizzamento.
In ogni caso non voglio togliere nulla a Namesecure.com, che a parte qualche raro intoppo in tanti mesi di vita di Tevac ha sempre offerto un servizio di reindirizzamento eccellente, per pochi dollari l'anno, perfetto per chi non ha la possibilità di investire in un dominio vero e proprio presso un Provider.

AppleShare IP 6.2, ci siamo!
Rilasciata ufficialmente la nuova versione dello storico server di rete Apple.
AppleShare IP 6.2 è molto più veloce di Windows NT nella copia dei file, più del doppio a detta della stessa Apple.
In condizioni ottimali, in una rete 100BaseT, lo stesso file di 100 Mb richiedeva, con la versione immediatamente precedente, poco più di un minuto per essere copiato da/al server AppleShare IP. Per la copia su un server NT, stessa rete e identico file, orologio alla mano ci voleva un buon 20% in più in alcune prove effettuate di recente dal sottoscritto.
La nuova versione di AppleShare IP offre, tra le tante novità, una gestione migliorata degli utenti e dei gruppi, permettendo la creazione di default di una directory personale, con tanto di home page, per ogni utente della rete.
Il supporto a Sherlock si integra con il server web e migliora le ricerche su tutto il disco e su tutte le pagine web, anche e soprattutto direttamente dai browser.
Migliorie nella sicurezza delle autenticazioni di accesso e la piena compatibilità con Mac OS 8.6 chiudono in bellezza questa mia prima carrellata su questa nuova versione, ma state tranquilli che ci tornerò sopra prestissimo, anche domani stesso, il tempo di studiarmi per bene tutto il materiale che ho fino ad ora raccolto.
E' disponibile un file PDF (per ora solo in inglese) con le caratteristiche del nuovo AppleShare IP 6.2.

Aria di tempesta.
Non troppi giorni fa vi ho accennato dell'iniziativa di Macromedia, di distribuire gratuitamente FreeHand 7 allegato ad una rivista e solo in versione Windows, cosa che ha irritato non pochi utenti Macintosh e che ha ancora parecchi strascichi, con discussioni ancora accesissime, in gruppi di discussione e mailing-list.
Questo fatto ha stuzzicato la fantasia del nostro Volpino, al secolo Daniele Volpi, che ha scoperto che ci sono state altre cose che hanno irritato la comunità Macintosh italiana negli ultimi giorni.
Tempesta in paradiso è il titolo delle ultime riflessioni del nostro Mac-evangelista.

Cosa vorreste (di diverso o di più) da Tevac News?
Ho sempre cercato di interpretare i desideri di quanti passano a visitare queste pagine, ma non è detto che abbia sempre fatto le scelte migliori. Una delle prime scelte è stata quella di darvi sempre del tu, senza mai parlare in terza persona, e mi pare sia stata apprezzata, ma non credo che torniate a leggere queste pagine solo per questo.
Ora vi chiederei, visto che state diventando sempre più numerosi, che mi consigliaste per il meglio nella gestione di queste news, indicandomi dove eventualmente sbaglio, quali sono i settori che vorreste venissero maggiormente approfonditi, quali invece ignoro e non dovrei, etc etc...
Ho preparato questa
semplice paginetta di sondaggio: non siate timidi, andateci e usatela, anche più di una volta se vi vengono ulteriori idee! Aiutatemi a realizzare un servizio sempre migliore. In un certo senso lo fate anche per voi, che alla fine siete i beneficiari di queste pagine, o no?
Aspetto i vostri consigli e le vostre critiche..

[Edicola] Il prossimo numero di Applicando.
Luigi Conti mi invia il sommario del numero di Applicando di giugno 1999, tra breve disponibile in edicola. Ecco una carrellata dei principali articoli e recensioni:

  • Primo piano: Internet fuori orario - Acceso un abbonamento con il Provider, comprato il modem, primi tentativi di andare online... Che fare? Internet serve solo per il lavoro, le informazioni e il commercio elettronico, o c'è qualcosa di più divertente?
  • Movie moderni. QuickTime 4 è stato finalmente rilasciato, anche se in versione beta. Vediamo le novità e come utilizzarlo al meglio
  • Mac OS 8.6, conferenza degli sviluppatori e le novità dietro l'angolo
  • Grandangolo. Alternativa Linux. Il sistema operativo che tremare il mondo fa. E che gira anche su Mac
  • iMac e lode. Un'esperienza di scuola con il piccolo di casa Apple in corsa per la tesi
  • A torsolo nudo. Parole, opere e omissioni. Nell'epoca dell'informazione, sappiamo tutto di Apple? E lei, fa di tutto per farcelo sapere?
  • Net-working: Headline Studio 1.0 - SurfJet Agent 1.1
  • Banco di prova: iMac @ 333 MHz (hardware del mese) - Xerox DocuPrint C20 - REALBasic 2.0.1 - Bryce 4.0 - Kai's PhotoSoap 2.0 - Extensis Suitcase 8 - TimePalette 3.1.5 (shareware del mese) - HP DeskJet 880C - Scanner Artec - Que! Drive - Sonnet - GamePad Pro - Formac ProRaid - PhotoGraphics 1.0 - PhotoFrame 1.0
  • E molto altro ancora...


Lunedì 24 maggio 1999

Fine settimana avaro di news, ma ce n'è comunque abbastanza per passare qualche minuto in compagnia.
Ho messo in linea un aggiornamento anche sabato, che trovate in coda a quelle di oggi per chi non si fosse collegato nel fine settimana, cosa insolita ma dovuta per un paio di notizie fresche fresche, una in particolare che mi preme molto: il successo dell'OPA di Olivetti su Telecom Italia.
E' un momento storico per le telecomunicazioni italiane, e tutti ci si aspetta che Colaninno e soci rimettano ordine e chiarezza in quella struttura che ci ha fatto dannare e non poco. ci vorrà qualche tempo, indubbiamente, ma abbiamo aspettato tanto che qualche mese in più sembra una bazzecola, basta che i risultati comincino a venire.
Ci si attende che l'utente sia considerato come tale, come un cliente da servire nel modo migliore e non solo delle tasche da spillare, che ci sia finalmente trasparenza nelle bollette, ed un sacco di altre cose...
Per ora sono fiducioso, come si deve essere quando si apre una nuova era.

Ah, il mio Mac-evangelista preferito, Daniele "Volpino" Volpi, su TatzeBAO si occupa questa volta di inquinamento. Non il solito inquinamento, ma una forma che ci riguarda molto da vicino.
Guardate più sotto, è la prima news di sabato.

Come ti sistemo l'html.
Per i fanatici del "codice pulito senza fatica", la nuova versione di Mizer 1.5 può essere molto d'aiuto. Ottimizzazione dell'html e della grafica per avere, come risultato finale, un più veloce caricamento delle pagine una volta in rete.

Programma di comunicazione.
Nuova versione per un software di comunicazione, scriptabile, molto versatile: è appena stato rilasciato DataComet 4.6.

Aggiornamenti per Mac OS X Server.
Comincia a "fioccare" di tutto per il nuovo server di rete Apple: PDFView 2.2.1 per visualizzare, come dice il nome, i file PDF, il client per il progetto SETI@home e TIFF2PDF 1.0.5 per trasformare i file grafici Tiff in file PDF.

Un Mac per altri sistemi.
Di solito siamo abituati a vedere emulatori di tutti i generi girare su Mac, da Windows a Play Station, ora invece parlo di un nuovo emulatore Mac 680x0 freeware appena rilasciato per Windows 95/98/NT, BeOS, Amiga e Unix.
Si tratta di Basilik II, sviluppato da Christian Bauer, e sono quasi quasi curioso di provarlo.

[Press Releases] Nuovo switch Keystone24g
Alias srl e Network Peripherals Inc., società leader nella progettazione e realizzazione di prodotti per reti veloci, sono liete di annunciare il nuovo Keystone24g, lo switch Ethernet/Fast Ethernet/Gigabit Ethernet dotato di 24 porte 10/100 Mbps e di due slot per moduli opzionali Gigabit Ethernet.

Un cd d'Egitto
E' il titolo di una news che leggo sulla mailing-list AppliNews gestita da Applicando, nell'edizione di venerdì scorso: parla di antico Egitto e di un faraone conosciuto più da morto che da vivo, ed essendo questa una mia grande passione (purtroppo senza mai il tempo di coltivarla come vorrei), ve la ripropongo volentieri testualmente:

"Milano. DeAgostini Multimedia ha presentato oggi Tutankhamon, cd incentrato sul celeberrimo faraone egiziano e sulla storia della scoperta della sua tomba. Si tratta della riedizione di un cd francese del 1997 coordinato da un'eminente egittologa, Christiane Desroches Noblecourt (che curò, nel 1967, la prima mostra dedicata ai reperti della tomba di Tutankhamon, a Parigi).
In Italia la supervisione della traduzione è stata eseguita dall'istituto di Egittologia di Torino. Il prezzo del cd e' di 79.000 lire. Non sono richiesti particolari riti per visionarlo: la "maledizione del faraone" non si trasmette via laser..."


Sabato 22 maggio 1999

L'inquinamento dei computer.
Anche i computer inquinano, e pure le ditte che li producono. Questa volta il nostro Volpino, Mac-evangelista senza peli sulla lingua al secolo conosciuto come Daniele Volpi, ci propone alcune riflessioni su ecologia e industria dei computer, argomento spesso sottovalutato (dai produttori e dagli utilizzatori) ma che sta assumendo proporzioni che dovrebbero far riflettere.

Si vocifera su AppleShare IP.
Mentre non viene rilasciata la nuova versione di AppleShare IP 6.2, che secondo alcune indiscrezioni sarebbe già pronta ma bloccata per la verifica di alcuni problemi minori, Apple rende intanto disponibile AppleShare IP First Aid 6.2, utility per la verifica e la riparazione dei file del server di rete.
Un Tech Info Library, sempre di Apple, discute e consiglia intanto su alcuni problemi di congelamento riscontrati sui client al momento di aprire dei file sul server.
Secondo le indiscrezioni di cui sopra, la nuova versione di AppleShare IP 6.2 dovrebbe venire annunciata da un momento all'altro.

Tagli al sito.
Mi sono resoconto che da solo non ce la faccio a tener dietro a tutte le cose che mi ero prefisso per Tevac News, pertanto ho deciso di tagliare alcuni "rami morti" e concentrarmi di più sulle iniziative che funzionano meglio. I primi a farne le spese sono stati il "Mercatino", rubrica con pochissime visite e rari contributi, e i "Barbatrucchi", rubrica di trucchi e consigli generali che avevo iniziato ma che non ho mai avuto il tempo di continuare, che chiudono i battenti definitivamente.
Per i vostri annunci di cerco/vendo vi consiglio di rivolgervi a siti più specializzati in questa attività.

Aci 4th Dimention 6.5.
Potentissimo strumento per la realizzazione di applicazioni per la gestione e l'archiviazione dei dati, è stata rilasciata la nuova versione di 4th Dimention 6.5, più veloce e ed ora implementato di nuove funzioni, di cui molte per il web.
Sebbene molto più potente, 4th Dimention 6.5 non è molto amichevole da utilizzare e programmare, e forse questo è il motivo per cui non ha ottenuto il successo di FileMaker Pro.
Disponibile una versione trial limitata nel tempo.

Aggiornamenti firmware per schede SCSI.
Rilasciati quasi contemporaneamente i nuovi firmware per le schede Advancys PCI UltraWide (versione 3.22 che migliora il supporto ai nuovi G3), e per le schede Initio Miles Bluenote (versione 2.0.9).

Olivetti ce l'ha fatta!
Oltre il 51%, stando ai primi TG, le quote di Telecom passate all'azienda di Ivrea.
Ora non rimane che augurarci (per noi utenti), che la scalata appena vinta sia l'inizio di una nuova era per la telefonia italiana, che il nuovo vertice ricostruisca dalle ceneri del monopolio ex-statale un'azienda di servizi e di tecnologie.
Di sicuro Colaninno si troverà ad affrontare una situazione disastrosa, con decenni di personale in esubero, di malcostume sociale e aziendale e di investimenti sbagliati, ma ad Ivrea sono riusciti a fare miracoli ultimamente, speriamo riescano a bissare.
Per ora ha tutta la mia fiducia, meglio qualcosa di nuovo, sperando che sia meglio, piuttosto che il vecchio malandato e mal funzionante, almeno qualche speranza c'è.
Incrociamo le dita...

Flashnet ceduta ai tedeschi.
Con un comunicato stampa raggiungibile sul sito web, il 18 maggio scorso Flashnet, terzo Internet Provider italiano con sede a Roma ed uffici nelle principali città italiane, ha annunciato la cessione del 100% del pacchetto azionario a Cybernet Group, colosso tedesco con con grandi ambizioni europee.
L'intera operazione è stata stimata attorno ai 50 miliardi di Lire.
Per gli utenti Flashnet si prospetta un aumento di banda disponibile, il circuito Cybernet Group dispone di 45 Mbps, oltre a numerose agevolazioni e facilitazioni che il gruppo tedesco, con sede a Monaco, mette già a disposizione delle sussidiarie nazionali di Germania, Austria, Svizzera, Lussemburgo ed Italia, dove Cybernet Group era già presente con la trentina Eclipse Spa. I numeri di Flashnet sono 4.000 utenti consumer, 2.100 clienti business e 300 punti di accesso in Italia distribuiti su 155 città.


Venerdì 21 maggio 1999

Venerdì caldo... poche news da segnalare ma parecchio da discutere.

La rivolta contro Macromedia...
La decisione di distribuire gratuitamente una versione completa di FreeHand 7 per Windows (e solo per Windows) con l'ultimo numero di Computer@Interactive ha scatenato un vero e proprio vespaio.
In prima linea gli utenti di mailing-list e newsgroup sul Macintosh, che si sono sentiti colpiti per l'ennesima volta da quella che oramai viene definita una vera e propria discriminazione nei confronti di questa piattaforma.
Tra i primi e più accaniti Pier Paolo Bertelli, che fin da subito ha denunciato la cosa e che si è subito mosso, con telefonate ed e-mail, per chiedere spiegazioni ai distributori italiani di Macromedia, a cui hanno fatto seguito numerose altre e-mail di altrettanti utenti Macintosh, incazzati pure loro. Anche Mauro Notarianni di Macintosh Magazine, rivista sempre molto attenta a queste problematiche, si è fatto portavoce di questi malumori e si è adoperato per avere notizie e spiegazioni.
Per tutti, inesorabile, la deludente risposta di Qwerty, agenzia che cura le pubbliche relazioni di Macromedia in Italia: nella sostanza, l'operazione di distribuzione di FreeHand 7 segue quella dello scorso anno con la versione 5, e sulla scia di operazioni analoghe fatte da altre importanti software-house tra cui Adobe e Symantec.
Il fatto che queste operazioni siano effettuate (solo) per la piattaforma Windows, fanno chiaramente capire i distributori italiani di Macromedia, dipende esclusivamente da un fattore di quote di mercato, con numeri decisamente più vantaggiosi a favore del mondo PC.
Nulla contro la piattaforma Macintosh, è il succo del discorso, ma i soldi stanno da un'altra parte.
Agli utenti Macintosh, sottoscritto compreso, non resta che ingoiare anche questo rospo, certo non è scritto da nessuna parte che lo si debba fare in silenzio.
I signori Italiani di Macromedia pare abbiano scordato che FreeHand è nato su Macintosh, che gli utenti Macintosh ne hanno decretato la sua fortuna, e che ad oggi è sicuramente uno dei software più apprezzati ed utilizzati dai professionisti della grafica che ancora, fortunatamente, è un settore dove la presenza di Macintosh è di tutto rispetto e non senza motivi, e inoltre gli utenti Macintosh, contrariamente ad altre piattaforme, sono in buona parte utenti professionali, di quelli che pagano per licenze e aggiornamenti, e non poco.
Se qualcuno vuole esprimere le sue impressioni in merito, e vale anche per le software-house e i distributori, sarò ben lieto di pubblicarle.

... e la "guerra santa" contro Telecom.
Altro argomento che sta facendo scaldare le mailing-list è la grande monopolista italiana delle telecomunicazioni, proprio nelle ore decisive per l'OPA lanciata da Olivetti.
Se telefonare costa molto, specie le urbane per cui è previsto l'ennesimo aumento a breve, collegarsi ad Internet non è da meno, e la qualità dei collegamenti in Italia è a livelli da terzo mondo.
E nonostante mi si continui ad affermare il contrario, nulla riesce a togliermi l'idea che Telecom Italia, TIN, TIM e Interbusiness, ufficialmente società indipendenti per motivi di anti-trust, siano ancora lo stesso bel minestrone di una volta, e che una aiuti l'altra con l'unico scopo di poter mantenere un monopolio ormai assurdo, ai danni dei salassati utenti.
In Italia privati e aziende che vogliono dedicarsi alle telecomunicazioni, sia da utenti che da fornitori, devono in ogni caso avere a che fare, direttamente o meno, con Telecom.
La "grande famiglia" praticamente obbliga i Provider a comprare la sua connettività e nello stesso tempo è concorrente dei suoi stessi clienti tramite TIN. Naturalmente le tariffe di TIN sono impraticabili dai Provider clienti di Interbusiness, a meno di non lavorare sottocosto.
Credete di evitare Telecom per le telefonate interurbane utilizzando Infostrada e soci? Pagate solo di meno, ma pagate comunque anche Telecom, perché i nuovi fornitori non sono ancora nella possibilità di utilizzare canali propri.
Solo la telefonia cellulare è messa un po' meglio, ma anche qui ci sarebbe da discuterne.
Non tocchiamo poi tasti più dolenti come le telefonate urbane, i canoni ingiustificati, la TUT, gli scatti alla risposta, i cablaggi iniziati a suon di miliardi e mai terminati, e ce ne sarebbero ancora...
Ma siamo su Internet: TIN si proclama il più grande Provider italiano regalando migliaia di abbonamenti che intasano le linee e sono il miglior mezzo a disposizione per lo spamming selvaggio, argomento su cui non muove foglia, nonostante le proteste, e finisce di diritto nelle principali black-list, impedendo di fatto ai suoi stessi utenti di inviare messaggi verso molti server, specialmente esteri.
Una volta c'era (c'è ancora per la cronaca) il movimento "No-TUT", ma alcune discussioni interne ne hanno provocato lo sfaldamento, con la nascita di due gruppi diversi come spesso accade in Italia, distruggendo così di fatto quello che poteva essere un grande ed efficace strumento di sensibilizzazione e di protesta, ed allora che fare?
Si può partecipare al boicottaggio indetto dai movimenti raggruppati nel gruppo europeo Telecom.eu.org, e spegnere modem e telefoni (Telecom Italia e TIM) Domenica 6 giugno prossimo, ma si può fare ancora di meglio.
Personalmente non uso telefonia cellulare di TIM, fin dal mio primo cellulare e non perché Omnitel fosse più conveniente o migliore, non ho abbonamenti Internet con TIN per lo stesso motivo, e naturalmente utilizzo più di un fornitore alternativo per le chiamate interurbane dal telefono fisso.
Vi invito a fare altrettanto, scrivendo a Telecom, TIN e TIM le motivazioni delle vostre scelte.
Se le stesse le invierete in copia anche a me, le pubblicherò ben volentieri e forse serviranno a convincere altri a fare altrettanto, e speriamo che la catena si allarghi.
A volte, dalle piccole cose, si ottengono risultati insperati.

Altra delusione...
Oggi è uscito il nuovo CD di Elio e Le Storie Tese, dal titolo CRACCRACRICCRECR. Un gruppo che amo da sempre, che ho avuto la fortuna di conoscere da vicino e utilizzatori di Mac, cosa riscontrabile in molti loro lavori.
Leggo però sulla mailing-list Mac (vedi pagina delle mailing-list per maggiori info) che il loro ultimo lavoro contiene una sessione per computer, ma solo per Windows.
No comment.

Mac OS 8.6 e i portatili.
Il nuovo aggiornamento dovrebbe ottimizzare il consumo di batterie dei PowerBook, cosa che non ho potuto ancora verificare, ma che conto di fare al prossimo viaggio un po' lungo in treno. Intanto Federica (Arnolfo), dalla scrivania vicino, mi fa notare che il suo PB 3400/240 con Mac OS 8.6 si risveglia in minor tempo dai periodi di sleep.

Ho conosciuto un Mac-user.
A volte il lavoro di assistenza e di consulenza informatica porta a conoscere persone molto particolari, così grazie all'amica Mirka Ragazzini ho scoperto di persona che Francesco Guccini usa un Macintosh per scrivere i suoi testi.
A dir la verità di Macintosh si è parlato poco, si è sfiorato l'argomento Internet ("ma sì ce l'ho, ma poi ogni tanto mi dimentico di rinnovare l'abbonamento..."), ma in compenso abbiamo degustato (o sarebbe meglio dire scolato?) un'ottima bottiglia di vino piemontese, tra i racconti esilaranti di vita vissuta di Francesco.
Di Macintosh se ne riparlerà in un'altra occasione...

Mac OS 8.6, qualche dubbio ancora su PageMill?
Nelle mie prove con Mac OS 8.6 (versione USA) Adobe PageMill 3.0 ritorna a funzionare, dopo il periodo di buio causato dall'incompatibilità con Mac OS 8.5.x (sia ITA che USA).
Angelo Andina però mi segnala che sul suo iMac con Mac OS 8.6 Italiano il software di editing html di Adobe continua a congelare il sistema cercando di inserire immagini ed altre operazioni.
Se qualcuno ha esperienze (positive o negative) con Mac OS 8.6 Italiano e PageMill 3.0, senza l'utilizzo di utility esterne come DefaultFolder, lo prego di segnalarmele.

Premiato REALbasic.
Mi scrive Active che a REALbasic è stato conferito, da parte di Apple Computer, l'Apple Design Award come "Miglior nuovo prodotto". REALbasic è anche arrivato secondo nelle categorie "Most Innovative" e "Best Macintosh User Experience".
Geoff Perlman, presidente di REAL Software ha detto "Siamo euforici per il fatto che Apple riconosce l'importanza che ha REALbasic per la piattaforma Macintosh, come strumento professionale per lo sviluppo di software, tanto da meritare il premio più prestigioso".

AppleShare IP prossimo venturo (6.2).
Mauro Notarianni, che ringrazio, mi segnala che sono disponibili le nuove caratteristiche di AppleShare IP 6.2 (non ancora rilasciato) in questa pagina web di Graphic Power.

Portachiavi satellitare.
Una curiosa notizia letta nella mailing-list informativa di Tariffe.it, sito dove tra i tanti servizi è possibile calcolare le tariffe delle telefonate:

"E' nato il primo portachiavi satellitare: incredibile, ma vero!!.
Si potra' comprare da Natale ad un prezzo approssimativo di £. 150.000. Acquistabile in tabaccheria pesera' 50 grammi e permettera' all'occorrenza di farsi localizzare. Il servizio si paghera' a prestazione con un importo a scalare (apparentemente niente canone).
Per farsi localizzare sara' sufficiente accostare il dispositivo ad un telefono pubblico o cellulare."

Schede Ethernet Asante.
Nuovi driver versione 3.11 per le schede di rete 10/100 PCI di Asante.

Apple informa...
Tra le nuove Tech Info Library di Apple (in inglese), eccone un paio di interesse generale:


Mercoledì 19 maggio 1999

Telecom pronta al rincaro delle urbane?
Leggo, tra i tanti messaggi delle mailing-list, una indiscrezione che segnalerebbe la possibilità che Telecom si appresti a modificare il piano tariffario, in particolare quello riguardante le telefonate urbane.
Se confermata, sparirebbe la TUT (Tariffa Urbana a Tempo), per lasciare posto ad un'altra tariffazione, sempre a tempo, ma che aumenterebbe il costo delle telefonate man mano che aumenta la durata della telefonata stessa.
In pratica, per fare un esempio, se venisse applicata una tariffazione simile il secondo minuto di una telefonata costerebbe più del primo, il terzo più del secondo e così via.
Ribadisco si tratta ancora di una voce non verificata, ma dopo gli annunci di Telecom di qualche settimana fa, dove si preannunciavano rincari per le chiamate urbane, c'è poco da stare allegri.
Se così fosse bisognerà calcolare ogni quanti minuti staccare il collegamento ad Internet, o la telefonata, per ripristinarlo immediatamente e ripartire con la tariffa più bassa...

Il Volpino colpisce ancora...
In un nuovo articolo su TatzeBAO lo spunto è ancora il MacDay, ma questa volta per affrontare argomenti decisamente più seri. Bambini, disabili e anziani al centro di una riflessione sul sociale partendo dal Mac e dall'Apple. Il nostro Mac-evangelista inizia così: "Debbo confessarvi una cosa. Purtroppo non sono riuscito a chiedere tutto quello che volevo al Dott. Biagini durante l'intenso pomeriggio del MacDay... Probabilmente sono stato distratto dalla presenza dei nuovi Mac B&W equipaggiati con X Server, oppure dall'entusiasmo con cui è stato accolto il POC ed il suo stand che troneggiava al centro della pista del More..."

In commercio ATM 4.5...
Adobe ha annunciato la definitiva commercializzazione di Adobe Type Manager Deluxe 4.5, per la gestione professionale dei caratteri di stampa, che ufficialmente garantisce la totale compatibilità con Mac OS 8.5.1 ma che risolverebbe anche dei problemini con l'8.6. Entro breve tempo dovrebbe essere disponibile anche sui listini dei rivenditori italiani.

... e aggiornato anche Suitcase.
Extensis ha aggiornato la sua utility per la gestione dei caratteri, appena acquisita, Suitcase 8.0.3. L'aggiornamento risolve alcuni piccoli problemi manifestati dalle precedenti versioni.

Nuovi driver per schede SCSI.
Advancys ha rilasciato i nuovi driver versione 1.18 per le sue schede SCSI Fast e Ultra.

In edicola c'è FreeHand 7 gratis (versione Windows).
Con la rivista Computer@Interactive di giugno, leggo sul newsgroup "it.comp.macintosh", viene regalata una copia completa di Macromedia FreeHand 7, versione per Windows. Una versione non troppo vecchia che si può utilizzare ancora tranquillamente.
Qualcuno suggerisce di acquistare la rivista, registrarsi la versione per PC in regalo e poco dopo richiedere la versione per Macintosh, in virtù di una clausola contrattuale della licenza Macromedia che impegnerebbe la software-house a cambiare la versione dell'applicazione in caso di cambi di piattaforma utilizzata.
Se così fosse non sarebbe affatto male, anche qualche redattore delle tante riviste per Mac potrebbe mobilitarsi, anche solo per vedere se sia possibile che la stessa promozione possa riguardarci direttamente.

Succede anche questo su Internet...
Una notizia davvero particolare, che leggo su Punto Informatico:

"In quattro si prestano ad uno dei più incredibilmente ridicoli esperimenti del secolo. Per capire se il gioco internet vale la candela (...) Si prendano quattro individui di età variabile, meglio se c'è almeno una donna tra di loro, e si rinchiudano in altrettante stanze. Senza nulla dentro, ad eccezione di una sedia, di una carta di credito e di un computer connesso alla rete..."

Video professionale.
Per aumentare la compatibilità con i G3 Yosemite, è stato aggiornato Media 100qx 5.2.

Icone disordinate.
Vi capita mai, dopo un riavvio con le estensioni disabilitate, di trovarvi con le icone della scrivania tutte incasinate? Se sì, ecco un AppleScript, Desktop Icon Manager 1.3, che aiuta a risolvere il problema.

Ancora QuickTime 4, lo streaming e i router.
Ricordate il contributo di Massimo Valle, pubblicato sull'ultima edizione delle news, dove venivano illustrati i problemi di utilizzo delle capacità di streaming del nuovo QuickTime 4 se ci si collega ad Internet tramite un router in rete?
Lo stesso Massimo, che ringrazio, ha approfondito la questione e mi scrive nuovamente:

"Sempre a proposito della questione QuickTime 4 e router ho contattato Digicomm e Netopia per avere maggiori informazioni su eventuali rilasci di firmware upgrade.
Digicomm risponde molto telegraficamente che: "Al momento non sono previsti sviluppi per i protocolli menzionati." Da notare che il router Tintoretto LAN di Digicomm supporta un massimo di 14 NAT Exports, che sono assolutamente insufficienti per rendere disponibile il servizio di streaming anche ad una sola postazione. Necessitano infatti almeno 31 entries nella lista di esportazione.
Netopia, da sempre molto attenti al supporto agli utenti, precisa che senza il NAT (Network Address Translation) il protocollo RTSP funziona correttamente. (ma ovviamente per poter disabilitare il NAT è necessario avere una LAN composta da macchine con IP fisso e assegnato dal provider). Netopia aggiunge anche che è prevista un'implementazione più robusta ed estesa del NAT Export che dovrebbe semplificare le cose, anche se al momento non hanno ancora definito scadenze precise.
Ricordo che il Netopia R3100 consente di impostare sino a 32 NAT Exports, sufficienti per rendere disponibile il servizio a non più di una postazione della rete locale."

[Press Releases] Alias distribuisce le schede OrangeMicro.
Alias è lieta di annunciare la distribuzione dei prodotti della società americana Orange Micro. La linea Grappler, creata appositamente per il mondo Macintosh, comprende una famiglia di schede PCI/SCSI adatte ad ogni esigenza, mentre la linea Hot Link, compatibile Mac e PC, permette la connessione di periferiche FireWire.

Attenzione ai colori del monitor con Excel.
Una TIL (Tech Info Library) di Apple informa che il foglio di calcolo Microsoft Excel, con Mac OS 8.6 provoca il congelamento del Mac se lanciato con un monitor settato in bianco e nero o a 256 grigi. Inutile la reinstallazione del software dal CD-Rom di Office 98, se non si cambia il settaggio dei colori del monitor il problema persiste.

Buone notizie per la sicurezza delle e-mail.
Il software di criptazione della posta elettronica PGP, con i suoi problemi con la legislatura americana, ha sempre suscitato notevoli interessi, ritengo utile quindi pubblicare questa lunga e-mail dell'amico Marcello Testi, che ringrazio:

La settimana inizia bene! Negli USA, una sentenza a proposito della criptazione ha stabilito che il codice sorgente (quello che viene trasformato poi in linguaggio-macchina dai compilatori per essere eseguito come applicazione sui nostri computer) e' "discorso" (speech) e quindi e' soggetto alle libertà' del Primo Emendamento della costituzione, quello che garantisce libertà' di parola e di opinione.
Questo significa, in teoria, che diventano illegali le barriere poste dal governo americano all'esportazione di programmi di criptazione come PGP (che ora veniva esportato con sotterfugi, quali la pubblicazione di manuali particolareggiati che illustravano come programmare gli algoritmi di codifica).
NOTA - I programmi di criptazione altro non sono che "maschere" che permettono di codificare la comunicazione e renderla inintelligibile ad altri che non siano il mittente e il destinatario. Il piu' celebre nel mondo Internet e' PGP (eufemisticamente acronimo di Pretty Good Privacy - "Privacy piuttosto buona"). In genere, il funzionamento complesso di queste "maschere" e' nascosto da un'interfaccia che facilita le operazioni. Le piu' classiche applicazioni di PGP riguardano l'email, non solo per la codifica, ma anche per l'autenticazione dei messaggi, che possono cosi' contenere una sicura "firma digitale"; esistono anche strumenti per applicarlo alla telefonia vocale.
I passi in inglese che seguono spiegano perche' il codice e' considerato "discorso" (con motivazioni interessanti, tra l'altro) e citano le conclusioni della corte, che ha stabilito come, a fronte di nuovi e potenziati strumenti di controllo sulla comunicazione elettronica, la criptazione sia uno strumento legittimo di difesa della privacy.
Fonte: SLAC Bulletin http://www.spectacle.org/lists.html
=====================================
Why is source code speech? "The distinguishing feature of source code," said the court, "is that it is meant to be read and understood by humans and that it can be used to express an idea or a method." It found that source code is a particularly appropriate way of describing cryptographic ideas, better than plain English or straightforward mathematical notation: "By utilizing source code, a cryptographer can express algorithmic ideas with precision and methodological rigor that is otherwise difficult to achieve." An advantage of source is that it facilitates peer review; the code can be compiled and tested by others. Although not required for First Amendment protection, the court noted that Snuffle "was also intended, in part, as political expression." Bernstein was deliberately challenging ITAR by creating code which utilized a one-way hash function--an approach he believed was not restricted by the existing regulations.
(...)
"We conclude," said the court, "that the challenged regulations allow the government to restrain speech indefinitely with no clear criteria for review. As a result, Bernstein and other scientists have been effectively chilled from engaging in valuable scientific expression."
The court went on to offer some social underpinnings for its decision. It noted that a rise in surveillance of cell phones, email and electronic commerce transactions has brought "our ability to shield our affairs from prying eyes" to a new low. "The availability and use of secure encryption may offer an opportunity to reclaim some portion of the privacy we have lost." We are each, said the Court, the potential recipients of "encryption's bounty."

Ancora sul MacDay.
Mi scrive l'amico Stefano Stefani, organizzatore del MacDay fin dalla prima edizione, e volentieri pubblico:

"Scustemi per il ritardo con cui ve lo comunico ma da oggi e' in linea a questo url: http://www.sincretech.it/MOL/MacDay/MacDay99/md99report.html
Il report sul MacDay 99 scritto da Federico Giacanelli e corredato anche di alcune foto."


Lunedì 17 maggio 1999

Non c'è trippa per gatti, non ce n'è per nessuno, e chi più ne ha più ne metta!!
Una doppietta meravigliosa e strameritata conferma il grande momento della scuderia di Maranello e, soprattutto, che le grigie motorizzate Mercedes non sono poi così imbattibili, e nemmeno tanto affidabili come volevano far credere ad inizio stagione. Mika sfotteva beffardo sabato scorso, quando ignorando o quasi le bandiere gialle aveva "guadagnato" la pole, ma il suo nordico e biondo sorrisino si è spiaccicato sui tubi di scarico della rossa, alla prima curva...
Grandi festeggiamenti, e pronti a bissare in Spagna, tra quindici giorni...

Attenzione a non perdervi una riga di questa edizione delle news: non tantissimi ma importanti gli argomenti, con molta carne al fuoco, grazie soprattutto a tutti gli amici che mi scrivono con segnalazioni e contributi.
Mi raccomando, insistete...

TatzeBAO, si va ad incominciare...
Parte ufficialmente l'home page TatzeBAO, curata da Daniele Volpi (Volpino o Bao per gli amici), Mac-evangelista per vocazione, con tanto di presentazione dell'autore. Cominciano a fioccare anche i primi articoli: dopo il primo sul MacDay 99, Volpino tesse le lodi del POC (PowerBook Owners Club) e racconta come una serata a Voghera di proiezioni fotografiche si possa trasformare in una serata di lavoro, di Mac-evangelismo naturalmente! Inutile che vi dica che sono tutti articoli piacevoli da leggere, anche per i meno sfegatati del Mac, che possono trovare comunque trovare spunti interessanti.
Una nota a parte (ed un ringraziamento) la merita la realizzazione della parte grafica di TatzeBAO, eseguita da Oscar Gritti.
Che Oscar sia un Mac-lover è fuori discussione, e lo prova il suo interessante sito web, http://www.macoska.com/twomf/, dedicato interamente al Mac.

Il beige non è più di moda...
Il carissimo amico Marcello Testi, webmaster di Cinemah, mi scrive una e-mail sul fatto che molti produttori di computer stiano, sulla scia di Apple, seguendo la strada dei computer colorati, anche se a volte non proprio con la stessa fortuna:

"Mentre le pubblicità di Olidata continuano a riprendere la vecchia composizione della Apple per i nuovi PC basati su Pentium III, anche alla Siemens si fanno passi avanti e si va verso il "no-beige" (un po' timidamente e goffamente, forse...), vedi allegato tratto da una pagina pubblicitaria del Venerdì di Repubblica.
Intanto, la campagna di cartelloni della DHL mostra in dimensioni giganti una mano comodamente posata sul glorioso mouse a un tasto classico. Quella non la posso scannerizzare, perché sono 6 metri di base..."

Annabella, l'8.6 e i problemi al monitor.
L'amica Annabella Alberti, ideatrice della mailing-list e dello spazio web Snifffer e che ringrazio per il contributo, sempre gradito, mi scrive indicandomi un sistema per risolvere i problemi che sembra assillino diverse persone, dopo l'aggiornamento a Mac OS 8.6, con i monitor a risoluzione variabile. Personalmente non ho riscontrato tale problema, ma se può essere d'aiuto a qualcuno pubblico ben volentieri la sua e-mail:

"In tanti (praticamente tutti quelli che possiedono un monitor a risoluzione variabile) si lamentano che dopo l'installazione dell'8.6 hanno avuto problemi di video.
In pratica quando il computer parte, dopo la schermata del Mac Os 8.6 sceglie la risoluzione piu' bassa per poi settarsi con quella nuova, ridimensiona la scritta e sistema poi le estensioni a casaccio su tutto il video.
Sul forum di Macfixit/Maccentral sono apparse tante soluzioni diverse, ma non funzionavano (ho fatto da cavia). L'unica che va e' la seguente: bisogna far ripartire il computer dal CD dell'8.5, zappare la pram e gettare via la preferenza Display (o display preference).
Facendo cosi' il computer partira' a risoluzione bassa, per poi settarsi, dopo che tutte le estensioni sono comparse, alla risoluzione scelta da voi."

Mac OS 8.6, solo da Internet o da Apple.
Come già preannunciato, l'aggiornamento a Mac OS 8.6 è disponibile solo se prelevato da Internet, dai siti Apple, e non sarà inserito nei CD-Rom delle riviste, salvo che ad Apple non cambino idea nei prossimi giorni.
Alternativa ufficiale, per chi non vuole effettuare un download pesante (35 Mb), è di richiedere l'aggiornamento direttamente ad Apple, che spedirà un CD-Rom di aggiornamento a Mac OS 8.6 (non avviabile, richiede Mac OS 8.5 installato) al solo rimborso delle spese di spedizione (L. 39.500).
I possessori di Mac OS 8.5, anche se fornito con un computer, inviando una prova d'acquisto possono richiedere, allo stesso prezzo, il CD-Rom di Mac OS 8.6 completo.
L'Attesa? 6-12 settimane.
Ecco l'indirizzo per le istruzioni per l'aggiornamento in italiano.
Naturalmente rimane una alternativa non ufficiale, come gli amici che l'hanno già scaricato...

Mac OS 8.6 bizzarro...
Curiosando tra i pannelli di controllo, mi sono accorto di questa "bizzarria" del controllo Gestione Estensioni. Dateci un'occhiata, osservate la colonna "Size", succede anche a voi qualcosa di simile?
Se vi capitano finestre anomale o bizzarre, fotografatele (Mela-Shift-3) e inviatemele!

Mac OS 8.6 compatibile con le Schede Vimage G3.
Rilasciati i nuovi driver per le schede Vimage PF G3/240, ancora in versione beta, che garantiscono la totale compatibilità con l'8.6.

Le mailing-list italiane.
Parlando di Annabella e di Snifffer (vedi news precedente), mi è venuta l'idea di realizzare una pagina dove fosse possibile raggiungere ed iscriversi alle principali mailing-list italiane.
Per chi ne ha solo sentito parlare, le mailing-list sono dei "salotti" dove si parla, in questo caso di Macintosh e dintorni, tramite posta elettronica.
Il funzionamento è semplice: tutto fa capo ad un server, normalmente chiamato "listserver" o "majordomo", e i contributi (i messaggi) devono essere inviati al server stesso che provvede a smistarli a tutti i partecipanti della mailing-list. Facile no?
Se vi interessa provare, perché non vi iscrivete ad esempio a Snifffer? Correte il rischio di trovare nuovi, simpatici amici e un aiuto impensato in caso di problemi con il vostro adorato Macintosh, ed il "prezzo da pagare" sono qualche decina di messaggi di posta elettronica in più al giorno.

Recensione di AudioCatalyst.
Scritta da Angelo Andina, che ringrazio moltissimo, una recensione di AudioCatalyst, un'interessante applicazione audio per trasformare in file MP3 i brani dei propri CD-Rom e file sonori in genere.
L'interesse che si sta muovendo attorno ai file MP3, sia per motivi tecnici legati al formato che per gli aspetti giuridici legati ai diritti di autore, rende ancora più interessanti tutte le applicazioni di questo tipo.
Angelo Andina, con molta competenza e semplicità, offre una descrizione delle principali caratteristiche di questo software, adatta anche ai non addetti ai lavori.

QuickTime 4, lo streaming e i router.
Massimo Valle pubblica sulla m-list "Mac" un interessante messaggio su probabili problemi di utilizzo delle possibilità di streaming di QuickTime 4 se si è collegati ad Internet tramite un router piuttosto che con un modem o un terminal adapter ISDN diretto. Massimo, che ringrazio caldamente per avermi autorizzato a pubblicare il suo messaggio, aggiunge inoltre che le prove sono state effettuate con router Netopia e Tintoretto LAN.
Ecco il suo messaggio, con la speranza che, se letto dai centri assistenza degli importatori di questi ed altri router, possano giungere anche i loro contributi:

"Il problema è effettivamente causato dal router ISDN. Anch'io sono nella stessa situazione. Ho provato un paio di router e nessuno risulta compatibile con lo standard RTP e RTSP utilizzati da QuickTime. Anche se sono protocolli standard RFC.
Il problema ha origine nel cosiddetto NAT (Network Address Translation) che in pratica serve a traslare lo stesso IP dinamico assegnato dal provider a tutte le macchine in rete locale.
La soluzione (suggerita anche da Netopia) è quella di settare il NAT EXPORT per le porte utilizzate dai suddetti protocolli. Tutti i router consentono di farlo. Qui però nasce un altro problema: i protocolli in questione utilizzano (mi pare) 32 porte e i router ISDN permettono di definire il NAT EXPORT per una quantità di porte variabile a seconda del router, ma quasi mai superiore a alle 32-34 porte. A volte alche meno.
Ora se io definisco il NAT EXPORT per un Mac che ha un indirizzo IP (supponiamo) 192.168.1.1 riuscirò ad utilizzare QT4 da quella postazione, ma di conseguenza non ci sarà più spazio nella configurazione del router per settare il NAT EXPORT anche per altre macchine. Idem dicasi per altri utilizzi (come ad esempio Timbuktu).
Speriamo che i produttori di router decidano di effettuare un firmware upgrade per supportare direttamente i protocolli.
Un caso a parte è Vicomsoft Softrouter Plus 6 (oppure Internet Gateway 6) che trattandosi di un router implementato via software è stato pensato subito con la compatibilità ai protocolli in questione."

Nuovo Netscape Communicator.
Rilasciata la nuova versione del browser più diffuso, Netscape Communicator 4.6. Sono stati aggiornati AOL Instant Messager 2.0 e RealPlayer 5, oltre ad altri aggiustamenti minori. Ma dato che c'erano, non potevano mettere RealPlayer G2, da poco rilasciato,al posto del "vecchio" 5.0.2?
Inoltre fate attenzione perché viene installata una vecchia versione anche di Stuffit Expander, e precisamente la 4.5.
C'è da scommetterci che nelle prossime ore ci sarà un "aggiornamento dell'aggiornamento", anche solo per placare le numerose segnalazioni che vengono riportate dai siti di news americani più gettonati.
Certo che chi si è appena scaricato più di 13 Mb avrà le sue buone ragioni per lanciare qualche maledizione al loro indirizzo... il consiglio, per chi rientra in questa categoria e se ovviamente gli interessa, è di andare a scaricarsi direttamente il solo modulo di RealPlayer G2.

A caccia di UFO, con il Mac.
Sembra il titolo di un telefilm ma in realtà si tratta di un serio progetto scientifico: vi ricordate il progetto SETI su cui Mauro Notarianni mi aveva scritto un breve ma interessante articolo, dove si parlava di come fosse possibile con un Mac partecipare ad una ricerca sull'esistenza di intelligenze extraterrestri ?
Se la risposta è no, vi consiglio di andarvelo a leggere ora, per chi invece lo ha già letto o ne ha sentito parlare da altre parti, potrà interessargli sapere che è terminata la fase di beta-testing e sono stati rilasciati i client definitivi per Macintosh (la pagina è per giunta in italiano), che per altro sono pure dei salvaschermi decisamente originali.

Guerra dichiarata allo spamming.
Avete presente quel brutto vizio di inviare e-mail di carattere commerciale e catene di S. Antonio varie in modo invasivo e insistente, magari nonostante ripetuti e inefficaci inviti di dissuasione, da mittenti sconosciuti?
Purtroppo questo "strumento", incurante di qualsiasi legge sulla Privacy, a volte viene utilizzato anche per attacchi e diffamazioni personali anonime.
Si chiama SPAMMING, pratica sempre più in voga, e gli spammer diventano sempre più abili nel mascherare i loro indirizzi reali di posta elettronica.
Un sito utile in questi casi può essere SpamCop, che si offre di "tracciare" gratuitamente i dati del sito di origine dello spamming, mentre con una sottoscrizione di 15 Dollari promette servizi di prevenzione ed altro.

Apple Remote Install.
Nuova versione di Apple Remote Install 1.0 per Mac OS 8.5/8.5.1/8.6, che permette di installare il Mac OS (8.5, 8.5.1 e 8.6) su computer in rete. Richiede Apple Network Assistant.


Venerdì 14 maggio 1999

Quest'anno sicuramente batterò ogni record in fatto di raffreddori stronca-cavalli (sì, a me non vengono mai raffreddorini, o leggeri raffreddamenti)... ormai non li conto più e, ed in questi giorni mi sono beccato l'ennesimo esemplare.
Non riesco perciò a pubblicare tutte le news che avrei voluto, cercherò di rifarmi con le prossime edizioni, questa sera a nanna con le galline...
Ah, quasi dimenticavo: nelle prove di oggi a Montecarlo la rossa era davanti a tutti...

Mac OS 8.6 all'opera.
Ho installato l'aggiornamento a Mac 0S 8.6, e precisamente la versione USA dato che normalmente utilizzo, sia sul 9600/350 che sul PowerBook 5300c, la versione nord-americana del sistema operativo.
Un aggiornamento che dura pochi minuti, per lo più dedicati alla verifica del disco di destinazione e all'aggiornamento del driver dello stesso disco.
Chi si aspetta novità sull'interfaccia utente, la parte del sistema con cui noi comunichiamo a colpi di mouse, rimarrà deluso: apparentemente nulla è cambiato, non è stata introdotta nessuna innovazione, il nuovo system è quasi tutto sotto la "crosta", in quella parte che non si vede ma che svolge la maggior parte del lavoro, quella più importante.

Dopo il riavvio per prima cosa mi sono accertato che tutte le applicazioni che utilizzo regolarmente rispondessero come prima, senza problemi, ed allora ho provato a lanciarle facendogli svolgere qualche operazione di prova.
Office, PhotoShop, Dreamveawer, FileMaker Pro, Eudora e tutte le altre applicazioni che di uso giornaliero non hanno manifestato nessun problema, almeno ad un primo e frettoloso giro di prova, ed anche il sistema si è comportato bene, senza mai una bombetta, un congelamento.

Anche l'hardware di terze parti in mio possesso sembra non essersi accorto di nulla: TurboTV, Zip, Jaz e masterizzatore non hanno mostrato nessuna particolare resistenza a lavorare tranquillamente, come prima. devo solo rimontare la 3DFX per fare un report completo (e per giocare a Carmageddon 2 che mi è appena arrivato...).
Si parla comunque di malfunzionamenti, sia software che hardware, riguardanti periferiche e applicativi datati.
Alcune schede accelleratrici G3 di terze parti, ad esempio, manifestano dei problemi con l'8.6, ma le case costruttrici sono già all'opera, ed alcune hanno già rilasciato driver che riportano tutto alla normalità.
Prima di diventare matti con la risoluzione di eventuali problemi con hardware e software, è il caso di fare un giro sui siti web delle ditte produttrici, e vedere se hanno rilasciato patch o aggiornamenti per il nuovo sistema operativo.
E' il caso ad esempio delle schede accelleratrici G3 Sonnet Crescendo, per le quali è già stato rilasciato un driver adatto a funzionare con Mac OS 8.6.

8.6 e FirstClass.
SoftArc ha rilasciato un patch per FirstClass 5.51 che permette agli utilizzatori di MacOS 8.6 di effettuare collegamenti ai server FirstClass senza crash durante la procedura di login.

8.6 e dischi formattati HardDisk ToolKit.
In una nota tecnica, Apple consiglia caldamente di aggiornare il driver del disco alla versione 3.0.2 di FWB HardDisk ToolKit prima di effettuare l'aggiornamento del sistema operativo.

8.6 e adattatore USB-seriale Keyspan.
Molte fonti indicano conflitti tra il nuovo sistema operativo e l'adattatore seriale per iMac e G3 Yosemite della Keispan. Si attende nelle prossime ore il rilascio di un nuovo driver.

Adobe PageMill 3.0 funziona con Mac OS 8.6.
Una bella notizia per tutti i possessori dell'editor di pagine web di Adobe, tristemente noto per il fatto di non funzionare con la versione 8.5 e 8.5.1 del sistema operativo: con Mac OS 8.6 funziona regolarmente!
Evidentemente gli sviluppatori Apple devono aver modificato i Navigation Services, in modo tale da permettere al programma di riprendere a funzionare correttamente, senza l'ausilio di utility di terze parti.
Ricordo che un lettore di Macity aveva intuito, proprio pochi giorni addietro, che il problema di PageMill 3.0 era legato proprio ai Navigation Services, e che l'utilizzo di DefaultFolder, opportunamente settato, poteva eliminare il problema.
Con l'aggiornamento a 8.6 non ce n'è più bisogno.

Il DNS sui server Macintosh.
Per gli amministratori dei sistemi di rete Apple, specialmente i server rivolti ai servizi Internet: rilasciata la nuova versione di QuickDNS Pro 2.2.1, server DNS per sistemi Apple.

Apple G3 Firmware.
Rilasciata una nuova versione del firmware per i G3 Yosemite. Apple G3 Firmware Update 1.1 è da utilizzare solo nel caso che non sia stato possibile installare la precedente versione 1.02.
Non va installato sui G3 dove gira Mac OS X Server.

Migliorare la gestione della rete.
Da utilizzare preferibilmente con le versioni International di Mac OS, il nuovo Apple Network Assistant Application 3.5.1 aiuta gli amministratori di reti Apple nella gestione dei client.

Lettere da Chicago.
Ecco cosa mi scrive dagli USA l'amico Giorgio Becevel, che ringrazio ed invito a mandarmi ancora report da oltre oceano, sulla situazione dei Mac nei punti vendita alternativi. Insomma non è solo nei nostri MediaWorld che i Mac vengono bistrattati da commessi spesso incompetenti..

"Ciao Roberto,
saluti dai paraggi di Milwaukee presso Chicago.
Sono qui per lavoro da una settimana e ci devo restare altre due... Naturalmente mi sto guardando in giro nel campo dei computer (Apple of course). Devo dire che la visibilità di Apple è come in Italia: c'è una enorme visibilita' dei pc e del sw per pc; ho visto un solo negozio Apple che vendeva pc e apple usati, che pena...
La catena Best Buy mostra un iMac da solo e in cima ad uno scaffale e di sw ce n'è proprio poco.Al contrario la catena CompUSA ha una presentazione che in confronto è ottima con una decina di G3 (ultimo tipo) accesi in demo, diversi iMac colorati, diversi PowerBook G3 e tanto Sw e accessori per Mac. Da eiaculare...sorry
Inoltre a 300 $ vendono delle rimanenze di PowerBook Duo (non so quale), e ci sono anche dei piccoli Hub per iMac...
C'è pero' da aggiungere che questi computer sono abbandonati a loro stessi e i commessi (anche se gentili) dimostrano la loro completa ignoranza in materia. Ho potuto mettere le mani sulle macchine e devo dire che alcune (quelle non in demo) avevano il sw incasinato. C'è ora sull'ultimo numero di Macworld (Giugno) una polemica sulla vendita dei mac nei superstore."

[Press Releases] Active-Software diventa Active.
Non si occupa più solo di software, ed allora Active-Software decide di cambiare nome, e di diventare Active!
Con l'occasione, mi scrive l'ing. Valdemarin, fioccano le offerte e le promozioni.
Qualche esempio: schede G3 266 MacTell a L. 699.000 + Iva (sono disponibili anche le 400 Mhz), Kit DVD + scheda MPEG-2 a L. 748.000, Action Files (le eredi delle Now Utilities) a L. 95.000, e molto altro ancora.
Maggiori informazioni al sito web di Active!

Nuove pagine su Tevac:

E' provvisoria, almeno nella grafica, ma servirà a raccogliere tutto il materiale di Daniele Volpi, Mac-evangelista di cui sentirete parlare spesso, e che da qualche giorno ha iniziato una collaborazione amichevole con Tevac News.
La pagina si chiama TatzeBAO.

Per chi invece preferisce le citazioni, ecco una mailing-list ad-hoc: tramite CITAZ l'amico Paolo Tedeschi invia ogni giorno a tutti gli iscritti una e-mail con alcune citazioni, sempre originali, dal suo immenso archivio.
Nella pagina maggiori spiegazioni e modalità di iscrizione.


Mercoledì 12 maggio 1999

Con questa edizione si chiude la maratona dedicata a Mac OS 8.6, anche se l'argomento non è certo esaurito. Ma ad un primo scossone, se ne aggiunge subito un secondo, i nuovi PowerBook a 333 e 400 Mhz.
Inizia inoltre un nuovo capitolo per Tevac News, grazie alla fresca collaborazione, appena inaugurata, con l'amico Daniele Volpi, di cui sentirete parlare sempre più spesso d'ora in avanti, e a ragion veduta.

Nuovi PowerBook, più potenti, più leggeri, più tutto.
Finalmente i nuovi modelli di PowerBook, conosciuti fino a ieri con il nome in codice di "Lombard", hanno visto ufficialmente la luce.
Nuovi processori da 333 e 400 Mhz, dischi rigidi da 4 e 10 Gb rispettivamente, 20% più sottili e molto, molto più leggeri, meno di 2.7 Kb con batteria e CD inseriti, e l'autonomia della batteria è notevolmente aumentata, portando la vita dei nuovi PowerBook lontano da prese di corrente fino a 5 ore, raddoppiabile inserendo la seconda batteria al posto del lettore CD, un vero record.
DVD di serie, porte USB integrate, Ethernet 10/100, e naturalmente modem interno da 56K continuano la "festa" delle caratteristiche dei nuovi gioielli di Cupertino, festa che finisce con i prezzi che dovrebbero attestarsi a L. 4.990.000 e L. 6.960.000 (Iva esclusa) rispettivamente per i modelli da 333 e 400 Mhz.
Si possono ammirare, in tutto il loro splendore, al sito di Apple USA dove sono elencate tutte le caratteristiche scaricabili in formato pdf, in attesa che anche il sito di Apple Italia sia aggiornato (sempre buoni ultimi eh?).

Mac OS 8.6, primi guai.
Primi problemi di compatibilità segnalati per il nuovo sistema operativo.
Sembra non digerisca particolarmente bene le schede di upgrade a G3 di terze parti, ed alcune utility come FWB Hard Disk ToolKit 3.0.x (le 3.0.2 dovrebbero però andare bene) e Adobe Type Manager con le versioni inferiori alla 4.5.
Nelle prossime edizioni un report più completo, naturalmente tutte le segnalazioni sono ben gradite.
VersionTracker e MacFix-It hanno già allestito delle apposite pagine (in inglese) sull'argomento.

Mac OS 8.6 solo da Internet o da Apple.
Scrive la redazione di Applicando, sulla mailing-list AppliNews, che l'aggiornamento Mac OS 8.6 non sarà distribuibile come ci si aspettava tramite i CD-Rom allegati alle riviste. Naturalmente si tratta di "ordini superiori", che giungono direttamente dai vertici Apple.
Atteggiamento discutibile o meno, resta il fatto che per aggiornare il proprio sistema all'8.6, almeno ufficialmente, o ci si "puppa" un download di oltre 30 Mb dai siti Apple o dai mirror ufficiali, o si ordina il CD-Rom direttamente ad Apple, che negli USA è distribuito al costo di 20 Dollari circa.
Naturalmente rimane la strada meno "ufficiale", ovvero il rivolgersi a qualche amico che lo abbia già scaricato, ma io non vi ho detto nulla.. :-)

[Press Releases] Katabounga in dimostrazione a Bologna.
In collaborazione con Abacus S.r.l. e Interstudio S.r.l., venerdì prossimo (14 maggio) alle ore 14.30 si terrà a Casalecchio di Reno (Bologna), presso la sede di Ecole & Co, un incontro su Katabounga, il multimediale a portata di tutti.
Dal tecnigrafo elettronico alla modellazione, dal rilievo alla modellazione del terreno, integrazione delle fasi progettuali, fotografia e recupero edilizio e la realtà virtuale nella progettazione sono alcuni dei temi toccati in questo incontro, al termine del quale i partecipanti potranno usufruire della particolare offerta di Katabounga a L. 950.000 + Iva anziché L. 1.250.000, sempre Iva esclusa.
Per informazioni scrivere a Ecole & Co o telefonare allo 051-6179111 (Sig.na Monia).
La sede dell'incontro è facilmente raggiungibile dall'uscita autostradale "Bologna-Casalecchio", o dall'uscita "Casalecchio di Reno" della tangenziale bolognese.

Bao, una voce sopra le righe.
"Bao" è il suo modo tipico di salutare, alla fine dei suoi messaggi, ed è il nome provvisorio della cartella che conterrà, su questo server, le sue considerazioni su Apple e dintorni.
Mac-evangelista puro, spesso controcorrente, polemico a fin di bene e animatore involontario delle mailing-list italiane sul Macintosh, Daniele Volpi ha deciso di usare il mio sito per raccogliere i suoi pensieri su quanto avviene attorno alla mela, e lo ringrazio molto per questo.
Il suo primo contributo riguarda le sue considerazioni sul MacDay, che vi consiglio di leggere anche se non avete partecipato alla manifestazione modenese.

Siti Apple italiani - 1
il team de ilMAC mi comunica di aver aggiornato la home del sito, con un nuovo sondaggio riguardo le news settimanali, e di aver reso pubblico il gioco ZootGame. Sempre dal sito di ilMAC i link per scaricare la nuova versione preview di iCab 1.5, versione PPC e 68K.

Siti Apple italiani - 2
Dopo un breve periodo di "silenzio" anche Leonardo Perrone torna ad aggiornare il suo sito LeoSpace con le novità degli ultimi giorni. Motivo della "scomparsa"? L'arrivo di un nuovo iMac fiammante, che l'ha "distratto" dall'impegno con i suoi lettori, ma un nuovo Macintosh è una motivazione sicuramente sicuramente valida! :-)


Martedì 11 maggio 1999 - ore 13:00

Aggiornamento ritardatario, mi scuso ancora con quanto ieri sono passati inutilmente da queste parti, spero di rifarmi con questa edizione, fin troppo ricca di news e avvenimenti da commentare.
Due i temi principali, Mac OS 8.6 e il MacDay di Modena, ed in coda le altre news ed una carrellata sui principali aggiornamenti software, ma senza perdere ulteriore tempo andiamo a cominciare...

Cambio di indirizzo per Mac OS 8.6 Update.
L'indirizzo segnalato stanotte per il download della versione americana di Ma OS 8.6 Update è stato modificato: l'aggiornamento (ribadisco versione americana) è scaricabile a questo nuovo indirizzo o, in alternativa, a questo mirror ftp.
Invariato invece l'indirizzo per scaricare la versione italiana.

VersionTracker segnala invece di eventuali errori -39 che potrebbero insorgere dopo aver effettuato il download, cercando di lanciare il file di aggiornamento.
Non buttate via i 35 Mb di download se per caso dovesse succedervi, perché sempre secondo VersionTracker dovrebbe bastare modificare tipo e creatore del file scaricato rispettivamente in "APPL" e "oneb", operazione da effettuare con qualsiasi utility per la modifica delle risorse dei file come Res-Edit, File Buddy o simili.
Se avete problemi o informazioni aggiuntive scrivetemi tranquillamente.

Assieme a Mac OS 8.6 Update Apple ha rilasciato una marea di altri aggiornamenti. Nel prossimo aggiornamento (questa notte o domattina per i meno nottambuli) un resoconto completo.

Mac OS 8.6, Jobs ed altre storie.
Se avete seguito il susseguirsi degli avvenimenti tra sabato e ieri sera, saprete già che è stato rilasciato definitivamente l'aggiornamento di Mac OS 8.6.
L'annuncio è stato dato, da Jobs in persona, nel corso della WWDC, la Conferenza degli Sviluppatori Apple di San José, ed immediatamente l'aggiornamento è stato reso disponibile, più o meno alle 19 di ieri sera, contemporaneamente nelle principali lingue tra cui l'italiano.
35 Mb di download carichi di innovazioni, già accennate nelle ultime edizioni delle news e su cui tornerò dettagliatamente con delle "prove sul campo".
Come ogni nuovo sistema operativo che si rispetti, anche Mac OS 8.6 non è esente da problemucci, alcuni già noti come l'incompatibilità con alcune schede UltraWide SCSI di vecchio tipo, con la stampa tramite le stampanti da scrivania e la sincronizzazione di cartelle con icone personalizzate.

Chi vuole scaricarsi i 35 Mb dell'aggiornamento (l'alternativa è attendere i CD-Rom allegati alle riviste del mese prossimo che sicuramente lo conterranno), può puntare i modem a questi indirizzi:
Mac OS 8.6 Update versione italiana e versione americana 1 /versione americana 2 (mirror ftp) (link corretti)

Per chi è interessato a seguire gli sviluppi del WWDC, lo rimando alle pagine speciali sull'argomento realizzate da MacProf e MaCity.

MacDay - 1: quanto manca al prossimo?
Una giornata tra amici, tanti amici, legati da un unica grande passione, il Macintosh.
Primi fra tutti gli organizzatori, Stefano Stefani in testa, a cui va un enorme ringraziamento per tutti gli sforzi che la riuscita di una giornata indimenticabile come quella di domenica scorsa deve aver richiesto.
Ma il merito è anche di tutti i partecipanti, tantissimi, giunti da tutta Italia.
Un plauso è d'obbligo anche per Enzo Biagini, Country Manager di Apple Italia, che anche quest'anno con alcuni suoi collaboratori non ha rinunciato a partecipare con la semplicità e la disponibilità che lo contraddistinguono: in scarpe da ginnastica e camicia sportiva non si è negato nemmeno un minuto alla tempesta di domande a cui i Mac-lover lo hanno sottoposto, senza mai perdere la calma ed il sorriso nemmeno di fronte alle (inevitabili) critiche, e soprattutto con risposte mai banali o scontate, che non gli sarebbero state perdonate di certo. Magari gli amanti del "gadget-souvenir" questa edizione saranno rimasti un po' delusi, ma la simpatia di Biagini, a cui è stata consegnata la tessera di membro onorario del PowerBook Owner Club, ha colmato...
Tra una piadina ed una pizza del ricco buffet ho scattato diverse decine di immagini con la mia immancabile QuickTake, ma il tempo tiranno mi a impedito ancora di impaginarle: cercherò di metterle in linea con i prossimi aggiornamenti.
Questa edizione del MacDay ha visto la partecipazione di alcuni professionisti e realtà commerciali del mondo informatico, che si sono mescolate bene tra la folla di Mac-lover tanto da non sembrare nemmeno essere al MacDay per promuovere le loro attività, alcune molto interessanti di cui ho approfittato a man bassa, tra cui anche l'amico Stefano Folgaria, simpatico rappresentante di Turnover.

MacDay - 2: Mac OS X Server.
Mentre su alcuni schermi televisivi scorrevano le immagini di Steve Jobs nei principali avvenimenti che hanno accompagnato il successo di Apple degli ultimi mesi, Roberto Ferrara (ex organizzatore del MacDay) ha inaugurato la sua carriera in Apple Italia portando un G3 e facendo vedere, ad un numero incredibile di interessati, le prodezze di Mac OS X Server.
Ho visto installare e configurare il server in pochi minuti, tutto tramite interfaccia grafica magari un po' rozza rispetto a quella a cui siamo abituati ma decisamente familiare e amichevole, ho visto far fare ad un server cose che normalmente si vedono sotto Linux tramite sequenze di comandi da tastiera impossibili da ricordare, ho visto girare Mac OS 8.5.1 in emulazione e ritornare in un istante al server, tutto senza mai una "piega" del G3 Yosemite, tutto così apparentemente facile da non sembrare vero, da farmi andare alle stelle la voglia di installarne uno e provarlo a fondo...

MacDay - 3: ancora su MAc OS X Server.
Un giovane amico di vecchia data che non manca mai alle manifestazioni dei Mac-lover, e che conosco ancora dai temi delle bbs: Igor Tosolini "smanetta" su server Linux ogni giorno, e mi ha scritto la sua impressione a caldo su Mac OS X Server.
Se la prima impressione è quella che conta...
Naturalmente lo ringrazio e lo invito a scrivermi ancora sull'argomento non appena avrà l'occasione di poter provare il nuovo server di Apple in modo più approfondito.

MacDay - 4: anticipazioni non ufficiali.
Conoscete AutoRoute 66, quella applicazione che da tempo non viene aggiornata e che aiutava a stabilire i percorsi migliori tra diverse città d'Italia e di molti altri stati? Al MacDay girava una copia della nuova versione, che sembra verrà commercializzata tra pochi giorni: oltre al tragitto tra due città, ora AutoRoute stabilisce anche il miglior tragitto all'interno di una città, tra due vie, considerando pure i sensi unici, e a quanto si diceva sincronizzabile anche con i sistemi di localizzazione e di guida satellitare. L'ho vista cercare un tragitto a Modena, e comprende le piantine di tutte le principali città italiane.
Assolutamente imperdibile...

MacDay - 5: il parere dell'evangelista.
Considero Daniele Volpi un Mac-evangelista dal cuore enorme, ma certo non tenero. Mi piace leggere i suoi messaggi nelle mailing-list, mi piace il suo modo di "polemizzare a fin di bene" perché la gente parli: gli ho chiesto di scrivere due righe sul MacDay e lo ha fatto senza farsi pregare.
Vi consiglio di leggere caldamente le sue considerazioni sul MacDay 99 in questa pagina.
Daniele inoltre mi dice d'averci preso gusto, e che i suoi contributi non si fermeranno qui: sono sicuro che molti visitatori di queste pagine, dopo averlo letto, se lo augureranno di certo.

Ahi Ahi Ahi Telecom Italia...
Non passa giorno che la monopolista delle telecomunicazioni italiane non si becchi critiche o attacchi.
Questa volta la nota dolente è la mancata trasparenza in generale e sulle bollette telefoniche in particolare, e a questo proposito andate a leggervi, se vi interessa l'argomento (ma farebbe bene ad interessarvi, anche solo per le vostre tasche), il commento di Punto Informatico, di cui riporto un breve passo:

"Rimane una chimera uno degli argomenti più dibattuti. Ecco cosa si cela dietro un'equivoca policy commerciale
8/5/1999 Roma - 26 milioni di italiani, quante sono le utenze telefoniche domestiche in Italia, credono di ricevere da Telecom la cosiddetta "bolletta trasparente". Errore! Si tratta di una pia illusione, perché ad un attento esame si scopre in realtà che il gestore monopolista, con perfide clausole, col pretesto della privacy e altre furberie impedisce all' utente qualsiasi possibilità di controllo. (...)"

Premi per tutti, anche per i siti più brutti.
Salvatore Romagnolo, in un articolo su Apogeonline, segnala che su Internet ci sono gli oscar per i siti web, ma quelli più brutti. Tevac News non è in classifica, ma solo forse perché non la conoscono... :-)

[Press Releases] Comunicati stampa da Turnover.
Turnover, distributore nazionale di prodotti Draytek, presenta uno dei prodotti USB più interessanti sul mercato: ISDNVigor 128, terminale ISDN USB.
La scheda tecnica del prodotto, completa di descrizione e specifiche tecniche, è in formato PDF.

Turnover distribuisce Arena
L'Arena Raid Tower è forse uno dei prodotti DT più appetibili sul mercato.
La scheda tecnica del prodotto, completa di descrizione e specifiche tecniche, è in formato PDF.

Nuovo numero di MacZine.
Aaron Ghirardelli mi segnala l'uscita del secondo numero di MacZine, rivista gratuita in formato elettronico con le recensioni delle migliori novità del settore del software shareware.
Sul sito di MacZine le istruzioni per scaricarla.

Segnalazioni per il settore audio/musicale.
L'amico Angelo Andina, che ringrazio, mi segnala due particolari software per la musica: BayTex Fiesta 1.0b1 è un mixer per file MP3 in tempo reale, e MegaSeg 1.03, della Illinois Fidelity Media, che gestisce fino a 500 file audio su un HD da 6 Gb, permettendo dissolvenze ed ordinamenti personalizzati.

Velocizzare l'avvio del Mac.
Leggo su AppliNews, la mailing-list della nota rivista Applicando, questa news che riporto testualmente:

Internet. Casady and Greene presenta Speed Startup, per accelerare la procedura di avvio del Mac. Se tra il momento in cui si pigia il tasto dell'accensione e quello in cui si puo' effettivamente lavorare passa il tempo necessario per un caffe' (preparazione inclusa), e' forse l'occasione giusta per provarlo. Info allo http://www.speedstartup.com (attenzione: malgrado il nome il sito e' un po' lento...).

ITALIA Mac recensisce il masterizzatore USB "Que! Drive" di QPS.
Gli amici di ITALIAMac hanno pubblicato un'interessante recensione, utile per chi deve scegliere un masterizzatore USB:

"Il masterizzatore USB "Que! Drive" e' dedicato agli utenti di iMac e nuovi G3, consente la scrittura alla velocità di 4x; la riscrittura alla velocità di 2x e la semplice lettura dei dati ad una velocità di 8x. Può realizzare Photo-CD a singola o multipla sessione, ha un transfer rate di 700 KB, un tempo di accesso di 150 ms. e 2 MB di buffer. Per avere una idea dei dati che possono essere contenuti in un CD scrivile o riscrivibile, possiamo dire che 650 MB di spazio consentono di immagazzinare 650 immagini da 1 MB con colori a 24 bit, fino a 74 minuti di audio in 44 KHz con qualità stereo a 16 bit (quella dei normali CD audio); oppure il contenuto di 450 floppy disk da 3 pollici e mezzo. Insieme al dispositivo viene fornita una comodissima borsa a tracolla adatta al trasporto del masterizzatore, il software Adaptec Toast USB 3.8 e due CD da 74 minuti: uno scrivibile e uno riscrivibile."

Windows e USB.
Mauro Notarianni, che ringrazio, mi segnala che la prossima versione di Windows 98, di cui è appena terminato lo sviluppo e che sarà disponibile per questa estate, oltre a Microsoft Explorer 5 offrirà un miglior supporto allo standard USB.
Il costo di Windows 98 Second Edition sarà di 109 Dollari (N.d.R. Ma l'aggiornamento a Mac OS 8.6 non è gratuito?).

[Press Releases] Accordo ADL-Epson
American Dataline annuncia l'accordo con EPSON per la distribuzione delle inkjet Stylus Pro 5000, 9000, della laser a colori 8000 e della nuova Color Profeer 5000 serie II
Color Profeer 5000 Serie II. Frutto dell'alleanza strategica con due dei principali produttori di apparati pre-stampa come DuPont ed EFI, EPSON COLOR Proofer 5000 Serie II offre una soluzione professionale altamente innovativa per la produzione di prove colore digitali.

Notizie dal DISMA Music Show '99 di Rimini
L'amico Dante Turrini, che ringrazio, mi invia le sue impressioni del DISMA Music Show '99:

"Minore affluenza di pubblico ed apparentemente meno partecipazione da parte delle aziende del settore rispetto all'edizione dello scorso anno, ma una sempre più importante concentrazione di prodotti orientati all'informatica musicale, sia a livello personale che professionale.
Sul fronte Macintosh naturalmente una imponente presenza di iMac e nuovi G3 nonostante la disponibilità ancora apparentemente scarsa di soluzioni Hardware dedicate a queste piattaforme.
Tuttavia sono già visibili alcune delle interfacce MIDI ed audio annunciate da Mark of the Unicorn e Opcode: la linea completa di quest'ultima è già presente nel nuovo catalogo Midi Music, anche se ancora parzialmente incompleto per quel che riguarda i prezzi.
Ho visto finalmente la soluzione già pubblicizzata sulle riviste, per utilizzare schede PCI con i portatili: si tratta di un rack, collegabile, udite udite, SOLO ai Macintosh PowerBook (3400 e G3), ma purtroppo con un prezzo tutt'altro che allettante. Ho notizia di schede audio professionali interfacciate tramite slot PCMCIA, delle quali però non ho ancora particolari significativi."

[Press Releases] Masterizzatori DVD-RAM da Active.
Active e QPS-Inc: inizio della distribuzione dei prodotti della californiana QPS-Inc da parte di Active.
Appositamente progettati per la compatibilità con Apple Macintosh ed in particolare con i nuovi G3, QPS-Inc produce un masterizzatore DVD-RAM esterno, con il colore blue caratteristico della nuova linea dei prodotti professionali Apple Macintosh.

Carrellata di aggiornamenti e nuovi software:

  • Drop and Print 1.5 - Per la Epson Stylus 740 questa utility shareware permette di creare e utilizzare le stampanti da scrivania.
  • MacAT 4.0 - nata per i server, ma utilizzabile in molte altre occasioni, una utility per lanciare applicazioni ad orari prestabiliti ed altro ancora.
  • GraphicConverter 3.6.2 - Nuova versione per il celeberrimo strumento di manipolazione e conversione dei formati grafici. Per il download consigliati questi mirror.
  • FAXstf Modem Profiles - Aggiornamento per aumentare il numero dei modelli di modem/fax utilizzabili con il noto software di comunicazione.
  • CADintosh 3.5.1 - Aggiornamento (dalla versione 3.5) del programma di Cad 2D
  • Conflict Catcher 8.0.5 - Aggiornamento per l'uso con Mac OS 8.6
  • Digidesign ProTools Utilities 4.3.1 - Nuova versione, ottimizzata per 16 e 24 bit.
  • MetaCreations Canoma 1.0 - Annunciata la commercializzazione del nuovo software per creare modelli tridimensionali realistici da fotografie.
  • Adobe PageMaker Plus 6.5 - Dopo il rilascio di InDesign, nuova versione per il noto impaginatore di Adobe, una specie di "passaggio del testimone". Per il mercato USA l'upgrade costa 99 Dollari ed in più, ma sicuramente l'offerta verrà promossa anche in altri paesi compreso il nostro, sono previsti dei "competitive upgrade" di Illustrator 8 per i possessori di CorelDraw e FreeHand.
  • MailBurst 2.11 - Utility per i server di posta elettronica di Eudora e Stalker, che implementa domini multipli, auto-risponditori ed altre opzioni.
  • LockOut 1.2 - una semplice ma efficace utility shareware per la protezione dei propri dati da occhi indiscreti.


Lunedì 10 maggio 1999, ore 19:00

E' arrivato!
Mac OS 8.6 Update è presente sui siti per il download.
Ecco il link per la versione italiana e quello per la versione americana, per entrambi si tratta di un download di oltre 35 Mb. Per chi non ha fretta di provarlo, l'alternativa è di aspettare i CD-Rom allegati alle riviste del prossimo mese.
Nelle prossime ore impressioni dirette sull'aggiornamento, visto che lo sto già scaricando! :-)


Domenica 9 maggio 1999, ore 4:00 - EDIZIONE STRAORDINARIA

Nella notte che precede il MacDay (a proposito, mi auguro di ritrovarvici in parecchi), nelle consuete insonni navigazioni su Internet sono imbattuto in un fatto che mi ha obbligato ad aggiornare le news, ma inutile perdersi in fronzoli, andiamo direttamente alle notizie!
Ah, la prossima edizione prevista per stasera, naturalmente, conterrà un reportage sul MacDay, per chi vorrà rivedersi (sarò con la mia fedele QuickTake, naturalmente) e per quelli che non ci saranno stati.

Mac OS 8.6, ci siamo!
Nelle ore in cui scrivo appare sui server ftp Apple la tanto attesa cartella "Mac OS 8.6 Update".
Attorno alle 2 credo di aver assistito in diretta alla creazione della cartella, al momento ancora vuota, che conterrà entro brevissimo l'aggiornamento gratuito alla versione 8.6 del sistema operativo per Macintosh.
Ecco alcune delle novità che dovrebbero caratterizzare il nuovo OS:

  • Open Transport 2.0.3, che risolve i problemi con DHCP, PAP e altri di varia natura.
  • Supporto di Sherlock per i firewalls.
  • Game Sprocket integrati nel sistema operativo.
  • Supporti per USB e FireWire integrati nel sistema operativo.
  • Desktop Printer Utility 1.2, supporto per le stampanti PostScript USB e TCP/IP LPR. LaserWriter 8.6.5 supporta "secure printing" con AppleShare IP 6.1 e successivi, autentificazione per la stampa ed altro ancora.
  • Supporto DVD-RAM, e UDF 1.5.
  • Mac OS Runtime per Java 2.1.1.
  • ColorSync 2.6.
  • Supporto multilingue nei browser web ed in altre applicazioni.
  • Nuove caratteristiche dell'interfaccia utente.

La versione definitiva era attesa per i primi giorni della prossima settimana, martedì al massimo, ma dalla Apple nessuna conferma (ma nemmeno smentite).
Di sicuro questi movimenti nei server FTP però confermano queste aspettative, anzi fanno presagire un rilascio ancor più imminente. Ricordo che al momento di scrivere questa news, ormai sono le 4 passate, sul sito ftp Apple è presente da non più di 4 d'ore (più o meno l'ultima volta che l'avevo monitorato, anche se ho una mezza idea di averla "vista nascere") la cartella "Mac OS 8.6 Update", per ora vuota ma con serie possibilità che si riempia al più presto.

PageMill 3.0 e Mac OS 8.5.x, connubio possibile.
Le indicazioni fornite da MaCity negli ultimi giorni sono corrette: utilizzando Default Folder 3.x o superiori (Shareware 25 $, l'ultima versione è la 3.0.2) e disabilitando l'utilizzo dei "Navigation Services" nelle preferenze, Adobe PageMill 3.0 torna a rivivere in tutto il suo splendore.
Il problema dunque viene individuato, grazie alla felice intuizione di un lettore di MaCity, come una incompatibilità con i Navigation Services, caratteristica innovativa delle finestre di dialogo di Mac OS 8.5. Sarà presente anche nell'8.6 o richiederà ancora l'utilizzo di utility di terze parti? Credo che a questa domanda sarà possibile rispondere a breve.
Sconcertante comunque il silenzio o al massimo le risposte inconcludenti di Adobe alle richieste di migliaia di utenti che si sono trovati privi della possibilità di utilizzare l'applicazione.
Non da meno il fatto che Apple, da quando ha rilasciato Mac OS 8.5, ha continuato (anche con gli ultimissimi modelli) a fornire in bundle Adobe PageMill con gli iMac, sapendo di offrire ai propri utenti un'applicazione che non avrebbe mai funzionato, anzi, che avrebbe causato congelamenti del sistema ad ogni tentativo di utilizzo.

In arrivo anche AppleShare IP 6.2 ?
Numerose fonti di informazione americane vogliono imminente anche il rilascio della nuova versione del server di rete AppleShare IP, la 6.2. Al momento si tratta solo di rumoreggiamenti e indiscrezioni, ma sto raccogliendo più informazioni possibili, che cercherò di offrirvi nelle prossime news.


Venerdì 7 maggio 1999

Questa edizione delle news inizia con un "piccolo" articolo che mi invia, in esclusiva, l'amico Mauro Notarianni di Macintosh Magazine. Si parla di come sia possibile, con il proprio Mac, partecipare ad una particolare ricerca scientifica che si occupa di cercare forme di vita intelligenti extraterrestri.
Anche se siete scettici, vi consiglio di leggerlo perché è comunque molto interessante, per il modo in cui questa ricerca viene portata avanti con l'aiuto di molti informatici volontari, anche non addetti ai lavori, ed ora questa possibilità è stata allargata anche agli utenti Macintosh, e si cercano beta tester.

Cambiando discorso, domenica prossima è il gran giorno del MacDay. Vi ritrovo lì?

Il progetto SETI, le forme di vita extraterresti ed il Mac.
E' possibile con il proprio Mac, restando comodamente a casa, partecipare alla ricerca di forme di vita intelligenti extraterrestri. Si tratta del progetto SETI (Search for Extra-Terrestrial Intelligence), e me ne parla in una e-mail molto dettagliata l'amico Mauro Notarianni di Macintosh Magazine, che ringrazio caldamente.
Tra le altre cose si cercano beta tester su piattaforma Macintosh.

"... Non esistono prove concrete dell'esistenza di forme di vita al di fuori del nostro sistema solare. Non è nemmeno possibile, però, dimostrare che il pianeta Terra è l'unico corpo celeste dell'universo in cui è presente la vita. Un metodo per cercare di individuare eventuali presenze di vita extra-terrestre, consiste nel ricercare particolari segnali tra le milioni di frequenze captate dai grandi radiotelescopi usati per le telecomunicazioni. Gli scienziati, infatti, sono convinti che eventuali forme d'intelligenza che volessero comunicare con il nostro pianeta, lo farebbero utilizzando le onde radio, sfruttando in modo particolare le microonde, essendo quest'ultime scarsamente attenuate dalle nubi delle polveri interstellari. Nessun fenomeno naturale, inoltre, emette onde radio sulla gamma delle microonde a frequenze ravvicinate..."

In questa pagina il testo integrale di Mauro Notarianni con maggiori informazioni sul progetto SETI, su come funziona e quali sono le sue motivazioni.

Una luce per i problemi di PageMill 3.0 e Mac OS 8.5?
Sulle pagine di Macity un contributo di un lettore che avrebbe individuato nei "Navigation Service" la causa dei problemi che affliggono PageMill 3.0, il semplice ma ottimo editor html di Adobe, dalla comparsa di Mac OS 8.5.
Il semplice utilizzo di Default Folder, propriamente configurato come segnalato da Macity, risolverebbe già il problema, almeno provvisoriamente.
Sarebbe proprio divertente che il problema di questo software venisse risolto in questo modo, alla faccia del silenzio, almeno su questo versante, di Adobe.
C'è da dire, inoltre, che PageMill 3.0 continua ad essere distribuito con gli iMac, nonostante i problemi conosciuti ormai da parecchi mesi.

Mac OS Runtime per Java
Rilasciato Apple MRJ 2.1.2, nuova versione del motore Java di Apple, che con questo aggiornamento aumenta la velocità e la stabilità.

Nuovo RealPlayer G2
Rilasciato RealPlayer G2, per la riproduzione di RealAudio/Video con capacità di streaming. Richiede Mac OS 8.x e un PowerMac, ed è disponibile anche nella versione Plus, con maggiori funzionalità riguardanti la qualità di riproduzione.

Aggiornamenti AntiVirus...
Rilasciato Virex Virus Definition di maggio, serve per aggiornare il noto software Virex, dalla versione 5.9 o successive, per riconoscere i virus più recenti.
Riconosce anche le macro-virus di Word ed Excel, ma vista la larga diffusione di questi tipi di documento in Internet è consigliabile la massima cautela, anche se si tratta di un allegato ad un messaggio di posta elettronica di persone conosciute.

... e problemi con gli AntiVirus.
Stefano Folgaria (che ringrazio) mi segnala problemi con Norton AntiVirus per Mac versione 5.0.3 il sistema operativo, sia 8.5.1 che 8.6, dove l'ultimo dei bottoni di avvertimento (allow/deny/remember) non si ricorderebbe mai quello che per cui è stato impostato.
Se altri utilizzatori avessero riscontrato problemi simili, riceverei molto volentieri i loro report.

L'analisi degli accessi.
Un potente strumento per l'analisi dei file di log dei server web è stato aggiornato. Funnel Web 3.1.4 interpreta i dati, spesso oscuri, dei file di log, creando anche grafici di particolare impatto visivo.
Utile agli amministratori di Internet Service Provider.

[Press Releases] Nuovi comunicati stampa:

Per un pugno di voti...
Un po' di delusione per la mancata realizzazione del newsgroup "it.comp.database.filemaker".
58 voti contro i 75 richiesti per invalidare la richiesta di approvazione del nuovo gruppo di discussione dedicato al noto database FileMaker Pro.
Peccato, era una bella occasione di incontro, e il regolamento dei newsgroup prevede che per tre mesi non si possa ripresentare una richiesta per lo stesso gruppo.

Alla Apple si lavora su QuickTime
Una nuova beta con aggiustamenti minori, Apple QuickTime 4.0b22, è stata appena rilasciata ed è disponibile per il download. Per chi ha scaricato la versione precedente, è sufficiente lanciare di nuovo "QuickTime Updater", meglio se con una connessione ad internet già attiva, e il software provvede ad aggiornare tutti i componenti di QuickTime installati in moo completamente automatico e trasparente, chiedendo di riavviare ad aggiornamento effettuato.
Un'altra cosa da segnalare è la ripresa dell'aggiornamento dal punto in cui si fosse eventualmente interrotto, anche per cause gravi come crash di sistema durante le operazioni di download, evitando di dover ricominciare a scaricare tutto di nuovo.
E' successo al sottoscritto che tentava, con l'aggiornamento di QT in corso, di effettuare troppe operazioni contemporaneamente.
Infine da segnalare la notizia, riportata da diverse fonti autorevoli, secondo cui con la nuova release 4.0 definitiva cambieranno anche i termini di licenza di QuickTime.

Avanza anche WebSTAR.
Si lavora alacremente anche all'annunciata nuova release del noto server web per Macintosh, e gli sviluppatori di Starnine rilasciano una nuova versione beta: WebSTAR Server Suite 4.0PB2.
Definita come la nuova generazione dei server web per Macintosh, la suite di WebSTAR promette prestazioni molto superiori alla versione attuale, la stessa che "muove" queste pagine, e tutti servizi per realizzare un server per internet completo, come FTP, server Mail, Proxy ed una struttura completamente modulare.

Utility per file e cartelle.
Sky Tag Software ha rilasciato na nuova versione (beta) di FileBuddy 5.1b1, la nota utility per la gestione dei file e delle cartelle. Tra le altre cose ricerca gli alias orfani, i documenti doppi, le preferenze e le icone inutilizzate, le cartelle vuote ed altri comandi di utilità.

8.6 in rapido avvicinamento.
Tutti i maggiori siti di informazione danno ormai per scontato in questo fine settimana, o al massimo l'inizio della prossima, il rilasco dell'aggiornamento del sistema operativo, Mac OS 8.6.
L'occasione è l'ennesima importante fiera, che apre i battenti l'inizio della prossima settimana, e anche questa volta, come fu per l'8.5, il rilascio delle versioni nord-americana e quelle delle principali localizzazioni, tra cui quella italiana, dovrebbero avvenire contemporaneamente o quasi.
Oltre all'aggiornamento del sistema operativo sono previsti importanti annunci su nuovi modelli di Macintosh, in particolare di PowerBook, ed in particolare su questi si è scatenata la curiosità, con previsioni anche bizzarre.
Da Jobs, è risaputo, ci si può aspettare di tutto ormai.

Nuovi driver per Epson Stylus Color 3.000.
Disponibile la nuova versione, per ora in inglese, dei driver per Epson Stylus Color 3000 versione 5.6AE.

Altra preview per iCab.
Continua lo sviluppo attorno al browser internet di origine tedesca, con un'interfaccia che assomiglia ad Explorer, che si prefigge di dare battaglia al suo collega più blasonato ed all'eterno rivale di quest'ultimo, Netscape.
A differenza di questi, notoriamente mastodontici, iCab P1.5 pesa solo 853kb, richiede pochissima ram ed offre prestazioni davvero eccellenti.
Di iCab su queste pagine c'è una piccola recensione di una precedente preview, scritta da Domenico Galimberti.

Internet gratis (o quasi) in Inghilterra.
Mentre da noi si lotta con canoni immotivati, tut ed altre amenità, per non parlare della singhiozzante qualità delle linee telefoniche nostrane, andatevi a leggere su Punto Informatico quello che sta succedendo nell'imperturbabile Regno Unito:

"6/5/1999 - Londra - Accesso alla rete in qualsiasi momento della giornata per tutto il tempo che si desidera e senza pagare la telefonata. Il tutto per una 30ina di migliaia di lire. Questo il pacchetto che AOL Europe sta testando a Londra e che potrebbe presto essere esteso a tutto il Regno Unito. (...)"

OneApp Address Book 2.0 in italiano.
Gli amici di OneApp Software mi scrivono per annunciare il rilascio della versione italiana di uno dei loro software shareware migliori, e volentieri pubblico:

"OneApp Address Book 2.0 è una rubrica per Macintosh che consente di gestire in modo pratico e veloce indirizzi, numeri di telefono, nomi e indirizzi Internet che ha migliaia di utenti in tutto il mondo. Questa era una versione particolarmente attesa dagli utenti italiani in quanto la versione corrente in lingua italiana era la 1.4. In aggiunta alla funzionalità di stampa del record corrente, ora è possibile stampare gli indirizzi sulle buste o sulle lettere. E' inoltre possibile stampare una rubrica telefonica con tutti i numeri telefonici o una parte di essi, inoltre Sono stati aggiunti quattro nuovi campi: Stato, Lavoro, Numero verde e Cercapersone. E' ora possibile importare dati anche dalla versione 4.5 di Outlook Express.
Il programma si puo' scaricare dal sito di OneApp Software: http://www.kagi.com/oneapp/ab/it.html"

Stasera ci guardiamo un film... su Internet!
Leggo sempre su Punto Informatico che con una connessione veloce si potrà guardare un film anche su Internet, e che i primi esperimenti, molto seguiti, lasciano ben sperare.
Noi però abbiamo poco da star allegri, con le linee che ci ritroviamo grazie a Telecom.

Niente azzardo su Internet in Italia, come se ci fossero le frontiere.
Ancora da Punto Informatico una news davvero curiosa, che dovrebbe far riflettere:

"All'amatriciana: non si possono aprire case da gioco in Italia ma si può giocare su quelle estere. Per arricchire i Caraibi
Mattarella vieta i casinò virtuali italiani
6/5/1999 - Roma - I casinò virtuali gli italiani continueranno a vederli ospitati su server all'estero. Potranno giocare su quei siti ma non potranno costruirne di propri. Questo il messaggio che il vicepresidente del Consiglio, Sergio Mattarella, ha voluto dare in risposta ad un'interrogazione. (...)"

Apple e le reti veloci.
Una TIL di Apple con spiegazioni e consigli sull'utilizzo delle connessioni di rete 100BaseT, per fare in modo che la connettività sia stabile e veloce.

Il sistema vocale di IBM presto su Mac?
Indiscrezioni raccolte sui principali siti americani vogliono ViaVoice, il sistema di IBM per il riconoscimento vocale, presto arrivi anche sui sistemi Apple.
Una tecnologia, quella di IBM, che ai suoi esordi vedeva anche Apple tra i partner di sviluppo, ma ad un certo punto Microsoft intervenne con ingenti capitali e la situazione "politica" si rovesciò, fino all'abbandono di Cupertino.

Arrivano i dischi FireWire.
Ecco i dischi rigidi FireWire proposti da MacTell. Disponibili in tagli da 8.4, 10.1 e 14.4 Gb, con costi dai 499 a 899 Dollari, i dischi utilizzanti questa tecnologia oltre a disporre della velocità di trasferimento di FireWire possono essere smontati e rimontati "a caldo", ovvero a computer acceso, senza alcun problema.

Un simulatore di volo, per professionisti.
Per gli amanti del volo simulato ecco Virtual Wings Professional. Solo 399 Dollari per potersi cimentare nel pilotaggio aereo ma attenzione: bisogna essere davvero dei piloti o quasi anche solo per decollare...

TIM e Internet.
Letta su IDG la notizia di esperimenti molto interessanti riguardanti Internet e la telefonia cellulare:

"Internet sul telefonino: TIM è in partenza
Avviata le sperimentazione WAP su alcuni utenti
Dopo la Francia, anche l'Italia assiste ai primi trial commerciali per l'accesso a Internet attraverso il telefono cellulare. Telecom Italia Mobile ha annunciato di aver avviato presso la sua "utenza amica" il servizio WAP (Wireless Application Protocol), con cui sono inviate pagine Web semplificate scritte in linguaggio WML (Wireless Markup Language) provenienti da fornitori di informazioni, ossia Internet Content Provider (...)"


Mercoledì 5 maggio 1999

Tutte le cover per Mac OS X Server.
Le principali riviste italiane sul Mac come Macintosh Magazine, MacWorld Italia e Applicando dedicano ampi spazi e copertine al nuovo server di rete di casa Apple. Inevitabile, vista l'importanza del nuovo sistema operativo multi-utente e dopo che le prime versioni più o meno definitive sono arrivate in Italia, ufficialmente o nei modi più curiosi.
Molto interessanti gli articoli di Luca Accomazzi su MacWorld Italia, dove il nuovo server viene sviscerato e confrontato in possibilità e prestazioni con altri sistemi della stessa fascia, e quello firmato dalla redazione di Macintosh Magazine caratterizzato da una serie di domande e risposte particolarmente azzeccate sul perché e il per chi del nuovo gioiello di Cupertino.
Assieme all'articolo di Applicando, dalla penna di Alessandro Maio, tutti aiutano ad entrare meglio nell'ottica di una vera e propria rivoluzione annunciata, destinata a modificare produttività e professionalità delle reti medio-grandi e, naturalmente, dei server per Internet.
Ma il nuovo Mac OS X Server non sostituisce totalmente gli attuali sistemi: un finalmente efficiente AppleShare IP continuerà ancora per molto a distribuire servizi in tutte le realtà medio-piccole.
AppleShare IP, giunto ad alla versione 6.1.1 e dimostratosi sul campo maturo ed estremamente performante, può tranquillamente esprimersi senza paura di confronti in molti dei temi fino ad ora destinati alla concorrenza: il trasferimento di file, specie con l'utilizzo associato dei nuovi G3 e di Mac OS 8.5.1, la gestione delle code di stampa, un server web ed un server di posta elettronica utilizzabilissimi da realtà aziendali di piccole e medie dimensioni e, come ciliegina sulla torta, un supporto finalmente affidabile ai client Windows.
Ma la vera ciliegina è quella che "mangiamo" ogni giorno, perché AppleShare IP nonostante gli impegnativi servizi svolti conserva totalmente la facilità d'utilizzo e l'interfaccia amichevole a cui noi, utenti Macintosh, siamo fin troppo abituati. Se volete convincervi di quanto sto scrivendo, provate ad installare e configurare una coda di stampa, prima su AppleShare IP, poi su Windows NT.

Aumentano i siti italiani per Macintosh.
Un bel lavoro di Enrico "Chico Jobs" Querci, già collaboratore di Apogeonline e assiduo frequentatore delle mailing-list dedicate al mondo della mela, che ha aperto nella città virtuale di Pagacity uno spazio tutto Mac con news, link ed informazioni.
Sto parlando di MacCool, sito dall'interfaccia molto gradevole e ben strutturato che ha tutte le carte in regola per diventare un punto di riferimento per la comunità degli utenti Macintosh in Italia.
Merita un giro, e sicuramente lo inserirete nei vostri bookmark.

[Press Releases] Katabounga: 2.000... modi per progettare.
In collaborazione con Abacus S.r.l. e Interstudio S.r.l., il 14 maggio prossimo alle ore 14.30 si terrà a Casalecchio di Reno (Bologna), presso la sede di Ecole & Co, un incontro su Katabounga, il multimediale a portata di tutti.
Dal tecnigrafo elettronico alla modellazione, dal rilievo alla modellazione del terreno, integrazione delle fasi progettuali, fotografia e recupero edilizio e la realtà virtuale nella progettazione sono alcuni dei temi toccati in questo incontro, al termine del quale i partecipanti potranno usufruire della particolare offerta di Katabounga a L. 950.000 + Iva anziché L. 1.250.000, sempre Iva esclusa.
Per informazioni scrivere a Ecole & Co o telefonare allo 051-6179111 (Sig.na Monia).

Le foto di Elena.
Elena Landi mi comunica di aver aggiornato il suo sito, dedicato alla fotografia, con nuovi link e le foto del mese.
L'indirizzo per ammirare i lavori fotografici di Elena è http://landi.freeweb.org.

I caratteri a portata di mano.
Aggiornata una delle utility più note per chi lavora tutti i giorni con i caratteri: PopChar Pro 1.1.3.

[Press Releases] Active Software distribuisce Absoft.
Active annuncia di avere firmato un contratto per la distribuzione in Italia dei prodotti della Absoft Corporation di Rochester Hills,U.S.A. azienda produttrice di sistemi di sviluppo Fortran per ambienti Apple Macintosh, Linux e Windows.

File da Dos/Windows?
E' freeware e svolge un compito ingrato ma molto utile, ovvero "purgare" i nomi dei file provenienti da Windows dei caratteri illegali, ma può anche cambiare il tipo e il creatore dei file a piacere e togliere o aggiungere l'estensione tipica dei file provenienti da DOS/Windows. Sto parlando di Renamer 1.6.
La seconda utility è shareware (10 Dollari) e converte i testi dei file provenienti dal mondo Windows, supportando anche il drag&drop. Si tratta di ASCII Converter 1.3.

Aggiustamento per NCSA Telnet.
La versione 3.0 del software per il protocollo telnet annunciata nelle ultime news ha subito un aggiornamento correttivo: è stata rilasciata la nuova versione di NCSA Telnet 3.0a3.

Backup per la sicurezza dei dati.
Una nota utility per la sicurezza dei dati è stata aggiornata: disponibile in versione light Syncronize 3.7 e in versione professionale (nuova versione beta), Syncronize! Pro 4.0b1. Quest'ultima permette salvataggi dei dati sicuri anche in rete tramite TCP/IP o AppleTalk.

Omnia Gold sugli scaffali.
Ho potuto verificare una notizia riportata inizialmente da Fabrizio Frattini su MaCity: l'annunciata (e attesa) enciclopedia Omnia Gold in versione per Macintosh è in distribuzione, ed è presente sugli scaffali del punto bolognese di Mondadori Informatica.

I CD-Rom Norton e i G3 Yosemite.
Secondo quanto affermato dalla stessa software-house, i CD-Rom di Norton AntiVirus per Mac 5.0 e di Norton Utilities 4.0 non sarebbero compatibili con i nuovi G3 Yosemite.
Il problema riguarda l'avvio dei sistemi con i suddetti CD-Rom, che risulterebbe impossibile.
Rivolgendosi direttamente a Symantec i possessori dei due pacchetti software possono richiedere la sostituzione gratuita del CD-Rom se acquistato negli ultimi 2 mesi, oppure con un pagamento di 15 Dollari circa se acquistati precedentemente.
Non ho ben capito se la sostituzione riguarda il solo mercato nord-americano, oppure se ci si può rivolgere indistintamente da qualsiasi nazione.

Utenti e gruppi in AppleShare IP
Una Tech Info Library di Apple spiega come definire al meglio la gerarchia di privilegi degli utenti/gruppi nel server di rete AppleShare IP 6.1.x.

Una TIL per SCSI e G3.
Ancora una Tech Info Library di Apple, questa volta sul miglior utilizzo possibile delle schede SCSI dei nuovi G3 Yosemite.

Aggiornamento anche per FWB HardDisk ToolKit.
Rilasciato un aggiornamento di FWB HardDisk ToolKit 3.0.2 per i possessori della versione 3.0.x, che rimedia alcuni piccoli errori ed allunga la lista dei driver supportati, ed è disponibile allo stesso tempo la versione FWB HDT Personal Edition 3.0.

Il DNS per esperti.
Per chi si occupa professionalmente di problematiche relative a reti che si affacciano ad Internet o a servizi connessi direttamente con la "madre di tutte le reti" è stato aggiornato, seppur in versione beta, un importante strumento di analisi e monitoraggio: DNS Expert 1.5.

[Press Releases] Slide Show e Presentazioni.
Da OneApp Software mi scrivono per annunciare un nuovo ed interessante software, dalle caratteristiche molto interessanti, disponibile sia in italiano che in inglese:

"OneApp CineSlider è un programma per la creazione di slide show e presentazioni multimediali di filmati, suoni e immagini, è veloce e facile da usare. OneApp CineSlider consente di personalizzare le proiezioni create per adattarle alle più svariate esigenze, è possibile creare proiezioni automatiche o manuali, personalizzare l'ambiente di proiezione con sfondi colorati o motivi, utilizzare una colonna sonora durante la proiezione, visualizzare e fare leggere il nome delle immagini e dei filmati proiettati. OneApp CineSlider può proiettare ed eseguire un elevato numero di formati grafici e multimediali: filmati QuickTime, filmati QuickTime VR, AutoDesk Animator (FLC), file audio AIFF, AU, WAVE, DV, OpenDML e tutti i principali formati grafici come JPEG, TIFF, Pict, Photoshop, PNG, MacPaint, GIF, GIF animate, Windows Bitmap BMP e SGI."

Telecom non si smentisce mai.
Ormai le arrampicate sugli specchi di Telecom non sorprendono più di tanto, siamo (purtroppo) abituati da tempo alle sue angherie dentro e fuori la bolletta telefonica, come questo rifiuto di riconoscere agevolazioni sui propri numeri se intestati a società concorrenti, come riporta dettagliatamente Punto Informatico.
Sempre su Telecom, di alcuni giorni addietro, la notizia riportata sui TG RAI che le interurbane in Italia sono tra le più care al mondo, mentre sempre secondo la stessa fonte per le urbane siamo uno tra i paesi con le tariffe migliori.
Oltretutto, si aggiunge che l'elevato costo delle interurbane in regime di monopolio era dovuto per compensare il costo "sociale" delle urbane.
Ammazza quanto sono "socialmente economici" il canone, gli scatti alla risposta e la tariffa urbana a tempo...


Lunedì 3 maggio 1999

Mitico Schummi!!
Non poteva fare di meglio ieri vincendo il suo 15° GP in Ferrari, pareggiando il record (se non ricordo male) di Lauda, e proprio a Imola, al GP di S. Marino, dove erano parecchi anni che le rosse non vincevano!
Il mio voto evidentemente a qualcosa è servito, e quindi lo rinnovo, e non toccherò vino che non sia rosso, e meglio se emiliano, fino al prossimo GP, e così via...
Una bella corsa, ricca di emozioni e di colpi di scena, che ha tenuti tutti i Ferraristi incollati allo schermo fino all'ultima curva, e dopo solo il boato del popolo rosso in festa.
Peccato per Irvine, tradito all'ultimo dal motore proprio quando stava per gustarsi l'ennesimo podio che lo avrebbe visto ancora in testa alla classifica piloti, una bella soddisfazione per il fedele scudiero!
L'appuntamento alla prossima vittoria è per MonteCarlo...

Facciamo due conti.
Perdonatemi se ritorno sull'argomento, ma ieri "ricorrevano" due mesi esatti da quando Tevac News è diventata 100% Macintosh, ovvero cambio di provider ma soprattutto un server G3 400 Mhz e WebSTAR a far girare il tutto.
Dal 2 marzo poco più di 6.600 accessi, ovvero tanti quanti i 4 mesi precedenti, con una media giornaliera in costante aumento che nell'ultima settimana ha toccato le 150 visite giornaliere, con punte di oltre 170 in un paio di occasioni.
Scusatemi se insisto ma per quanto mi riguarda è un risultato sorprendente per un sito come il mio nato per scherzo, mantenuto senza nessun aiuto nel poco tempo libero rimasto (ormai solo di notte), e mai supportato da azioni serie di indicizzazione sui motori di ricerca o cose simili.
Grazie a tutti, alla Quesse e in particolare all'amico Vito Parisi che mi ospitano, ai precedenti provider, Texnet e Nuovomondo, alle aziende che mi inviano informazioni e comunicati stampa, ma soprattutto a tutti voi che tornate a leggere queste pagine.

[Recensita] Mettere "al sicuro" i propri documenti.
Spesso si cerca un'utility che aiuti a nascondere file o cartelle, per metterli al riparo da occhi indiscreti.
Ho provato SecretFolder, un'applicazione semplice semplice che serve proprio a questo scopo: magari non è tanto potente e sicura se dovete nascondere i dati dei vostri conti correnti all'estero, ma se quello che vi serve è che una cartella non sia visibile mentre ve ne andate al bar a fare colazione, allora può esservi utile.
Ecco le mie impressioni in questa breve recensione.

Cercavate informazioni su uno scanner USB?
Gli amici di ITALIAMac mi informano di aver pubblicato una recensione di un prodotto che anch'io ho avuto modo di provare, e di cui mi sono fatto un'ottima impressione, lo scanner Artec 1236 USB. Ecco uno stralcio delle loro impressioni, che potete leggere integralmente sul sito di ITALIAMac:

"Lo scanner Artec 1236USB e' un prodotto piuttosto interessante da poco in commercio. E' uno scanner a lettura piana dedicato all'iMac ed ai G3 dell'ultima serie. Si tratta di uno scanner molto compatto ed economico che tuttavia consente di ottenere delle scansioni di buona qualità. Una particolarità di questo scanner e' l'assenza del cavo di alimentazione, infatti non è necessario collegare il dispositivo alla presa di corrente in quanto l'alimentazione avviene attraverso la porta USB: questo fatto evidenzia gli indubbi vantaggi che una tecnologia come l'Universal Serial Bus è in grado di offrire."

Il Mac e l'anno 2.000.
Che i Macintosh e il Mac OS siano esenti da problemi riguardo il fatidico anno 2.000 è risaputo.
Qualche problema possono averlo invece le applicazioni, specie quelle dove la data è molto utilizzata, come fogli di calcolo e database. Al sito di FileMaker Pro spiegano che rischi si corrono, come evitarli ma soprattutto come "aggiustare" i propri archivi se per caso rientrano nelle categorie a rischio.

La cura di bellezza di ICQ Facelift.
In una delle scorse edizioni delle news segnalavo ICQ Facelift 2.0.1, un aggiornamento che permette di modificare l'aspetto del noto programma di comunicazione. Mi scrive Angelo Andina, che ringrazio, per farmi notare che l'aggiornamento richiede l'utilizzo di Res-edit per modificare alcune delle risorse del programma, e che quindi può risultare difficoltoso per un utente non pratico di queste operazioni di "chirurgia estetica" sulle applicazioni.
Lo stesso Angelo mi invia alcuni screenshot di ICQ dopo la "cura di bellezza".

Nuova versione di NCSA Telnet.
Sulla base dello "storico" NCSA Telnet 2.6, la versione beta di NCSA Telnet 3.0a2.
Completamente scriptabile, supporto di Mac OS 8.5 e dei Themes, drag&drop, Ballon Help, nuovi set di comandi e una guida in linea sul protocollo telnet sono alcuni delle modifiche apportate a questa nuova versione preliminare, che alle prime prove sembrerebbe essere già abbastanza stabile.

Windows in rete Apple.
Per chi si deve occupare di collegare dei pc Windows in una rete AppleShare IP, John Rizzo di MacWindows, sito molto attento alle problematiche di networking riguardanti Macintosh, ha pubblicato una apposita pagina.
Vi sono raccolti i link alle principali Tech Info Library di Apple e a molta altra documentazione e consigli utili sull'argomento, sempre più importante per chi si occupa di reti.

Il nuovo QuickTime 4.0 e la TurboTV.
Esperienza personale diretta: dopo aver installato la nuova beta21 di QuickTime 4 sul mio PMac 9600 la scheda tuner TurboTV di IXMicro non mi funzionava più, a causa di uno strano avviso di software (quello della TurboTV) non installato correttamente.
Non è un problema del software della scheda ma di QuickTime, e se dovesse capitare a qualcun altro non si preoccupi, basta rilanciare l'Installer di QuickTime e questo, in modo totalmente automatico e trasparente va a prendersi la parte mancante, che può essere QuickTime Capture come Movie Grabber, se la installa e tutto ritorna a funzionare correttamente.
Lo stesso problema e relativa soluzione sono segnalati da MacFixIt.

Arrestato l'autore del virus CIH, sarebbe uno studente di Taiwan.
Il virus che ha fato tremare i PC di mezzo mondo lo scorso 26 aprile avrebbe un padre, individuato e che ora dovrà rispondere di diversi reati. La news è di Punto Informatico, ed eccone uno stralcio:

"30/4/1999 - Taipei (Taiwan) - Chissà se Chen Ing-hau quando ha scritto il "letale" CIH si rendeva conto del potenziale pericolo a cui esponeva l'intera internet e i milioni di utenti ad essa connessi?
Difficile dirlo, di certo però la vita del giovane studente di Taiwan non sarà più la stessa dopo che è emerso con chiarezza nell'istituto universitario dove era iscritto che l'autore di quello che è stato definito "virus Chernobyl" è lui.
Il codice, scattato al 13esimo anniversario del disastro nucleare, ha colpito circa mezzo milione di computer, soprattutto in Turchia, Corea del Sud e Bolivia, "facendone fuori" una buona parte. Il virus è infatti in grado di neutralizzare il BIOS dei sistemi, cancellare porzioni di applicazioni e formattare il disco rigido. (...)"

Gioie e dolori musicali.
Occuparsi di musica non vuol dire sempre occuparsi di cose più o meno melodiose.
Ecco cosa ricevo da un amico in mailbox:

"Vi prego di leggere il contenuto di questo link, e se prima pensavate che la SIAE fosse un'associazione a delinquere, trovate una conferma alle vostre idee, se pensavate che fossero bravi cristi, ricredetevi."

Conto alla rovescia per il MacDay.
Pochi giorni ormai all'appuntamento annuale con il MacDay, raduno modenese organizzato come ogni anno da Stefano Stefani e che si terrà domenica prossima.
Un appuntamento che vedrà la partecipazione di Enzo Biagini, Country Manager di Apple Italia, e di aziende di spicco del settore informatico come Turnover.
Ma i veri protagonisti di questa manifestazione sono i Mac-lover, che da tutta Italia, e alcuni è il caso di dire proprio dall'altro capo dello stivale, si ritrovano per conoscersi, scambiarsi opinioni ma soprattutto divertirsi all'insegna dell'ex mela iridata.
Con l'occasione si ritrova per la prima volta anche il POC, il club dei possessori di PowerBook e palmari Apple.
Maggiori informazioni sulla pagina web del MacDay.